Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il turismo torna a sorridere, +13% di arrivi

Esplora:

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

Gubbio città a spiccata vocazione turistica. Ma così non è stato nel cosiddetto periodo degli "anni bui" quando prima del commissariamento e per tutto il periodo del governo prefettizio non è stato fatto praticamente quasi nulla per rilanciare l'immagine della Città dei Ceri e per oliare gli ingranaggi attraverso i quali il flusso turistico avrebbe potuto interessare anche Gubbio. Tanto che la "più bella città medievale" è scivolata giù giù fino agli ultimi posti nelle graduatorie dedicate al turismo. Con il ritorno di un governo cittadino all'altezza della situazione ricomincia a tornare il sorriso. Il raffronto dei dati del turismo nel mese di agosto è confortante, in confronto a quelli dello scorso anno. Il sindaco Stirati e l'assessore Lorenzo Rughi si sono detti "soddisfatti per questa inversione di rotta". "L'inversione di tendenza - hanno commentato - è figlia di un lavoro di programmazione che inizia a dare i primi frutti e per il quale ci siamo impegnati appena insediata la giunta in giugno". I dati di agosto 2014 rispetto allo stesso dello scorso anno, segnalano per gli arrivi nell'alberghiero +14,68%, mentre è di +12,26% la percentuale delle presenze. Gli arrivi nell'extra alberghiero sono stati + 11,46%, con + 5,38% per le presenze. Le percentuali totali sono state del + 13,06 per quanto concerne gli arrivi e di + 7,61 per le presenze. Gli incrementi negli arrivi sono stati del 13,70% per gli italiani e del 9,92% per gli stranieri. Per quanto concerne le presenze siamo a + 8,66% per gli italiani e a + 4,69% per gli stranieri. Il dato che colpisce è quello riferito all'aumento di arrivi stranieri che è + 20,88% nelle strutture extra alberghiere. In termini assoluti, gli arrivi sono stati 15.406 di cui 12.869 italiani e 2.537 stranieri, e le presenze 47.791 di cui 35.553 italiani e 12.238 stranieri.