Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Calano iscritti alle scuole, chiuse sezioni di Scritto e Fassia

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Calano i nati e gli iscritti e purtroppo vengono chiuse alcune sezioni delle scuole del territorio eugubino. Il vicesindaco e assessore alle politiche educative Rita Cecchetti, interviene sulla chiusura di alcune sezioni delle scuole, in particolare delle zone di Scritto e Fassia. Per quanto riguarda la chiusura della scuola dell'Infanzia di Scritto, questa è avvenuta da parte dell'ufficio scolastico regionale per l'Umbria a causa dell'esiguo numero dei bambini iscritti, solo 6 alla data del 28 febbraio 2014 e successivamente ridotti a 4 unità. “Dobbiamo prendere atto della situazione - precisa Cecchetti - anche se come amministrazione comunale ci siamo subito attivati, a seguito della sollecitazione della dirigente scolastica del 2° circolo Monica Dalmonte, dichiarando la disponibilità a mettere a disposizione una operatrice educativa per 4 ore, qualora l'Usr avesse garantito un insegnante di scuola dell'infanzia per 13 ore, come richiesto dalla direzione didattica, al fine di mantenere in vita la scuola di Scritto. La successiva riduzione degli iscritti a 4 rendeva di fatto impraticabile la richiesta avanzata. Analogamente a quanto avvenuto a Scritto, anche presso la sezione antimeridiana della scuola dell'infanzia comunale nel plesso Borletti, erano solo 5 i bambini iscritti per l'anno scolastico 2014 - 2015, rendendo pertanto problematico il proseguimento della sezione”. “E' evidente che il calo demografico delle nascite - prosegue la vice sindaco - sta determinando una grave crisi degli iscritti nelle scuole dell'infanzia che si ripercuote nella scuola primaria. In risposta a tale situazione, l'amministrazione comunale si sta impegnando per portare a termine la riorganizzazione della rete scolastica già avviata dalla precedente amministrazione alla fine dell'anno 2012, ma non conclusa. Si dovrà pertanto concretizzare, nel prossimo autunno, l'impegno di ridisegnare la omogeneità territoriale dei 3 circoli didattici della scuola dell'infanzia e primaria, tenendo conto dell'andamento demografico, al fine di determinare istituzioni scolastiche dimensionate e stabili nel tempo”. L'assessore Cecchetti incontrerà nei prossimi giorni le famiglie coinvolte dalla chiusura delle sezioni scolastiche, per trovare una soluzione a eventuali problemi connessi con il trasporto scolastico, tenendo conto delle zone di pertinenza e dei regolamenti.