Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Via ch'eccoli, i Ceri tornano in città

Il Cero di Sant'Ubaldo durante la discesa

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

I Ceri tornano in città. Domenica infatti andrà in scena la discesa dal monte Ingino, per una manifestazione che sta entrando nelle sue fasi più emozionanti. Da giorni, per meglio dire da settimane, a Gubbio si respira un'aria diversa, in un contagioso mix di emozioni. L'appuntamento è alla basilica di Sant'Ubaldo, con la messa delle 8.30. I Ceri, trasportati a spalla dai ceraioli, torneranno in città: sopra le strutture lignee e sulle barelle ci saranno i bambini vestiti in divisa, con camicia (gialla per Sant'Ubaldo, azzurra per San Giorgio e nera per Sant'Antonio), calzoni bianchi, fazzoletto e fascia rossi. Davanti ai Ceri, a cadenzare il ritmo della sfilata, i Tamburini, con le note della Banda a rendere il clima ancora più gioioso. Prosegue dunque la marcia di avvicinamento al 15 maggio, il grande giorno della Festa: una tradizione che si ripete con gli stessi riti, ma con emozioni, sensazioni e aneddoti ogni volta diversi, unici. Gubbio si prepara alla sua incontenibile esplosione di sana follia collettiva.