Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

“Correre a perdifiato”, Fabrizio in gara per Fabiola e contro la fibrosi cistica

Fabiola Pecci

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Si metterà alla prova in una delle gare più dure al mondo. Con l'obiettivo di portare a tutti un messaggio: quello della raccolta fondi a favore della lotta alla fibrosi cistica, la malattia di cui soffre la sua amica Fabiola Pecci. Fabrizio Evangelisti, di Gualdo Tadino, nella giornata di Ferragosto sarà in Francia per partecipare al triathlon dell'Embrunman, la gara per ironman più dura del mondo in programma a Embrun, sulle Alpi francesi che prevede 3,8 chilometri a nuoto, 190 chilometri in bici con 5.000 metri di dislivello compresa la scalata dell'Izoard e una maratona. Dalle 14 alle 16 ore di sofferenza, lontana però da quella che provano i malati nella loro lotta quotidiana. Sarà lui il portabandiera, con tanto di maglietta, dell'iniziativa di raccolta fondi “Correre a perdifiato” organizzata dalla Lega italiana fibrosi cistica (Lifc) Umbria. “Il progetto è nato quasi per caso - racconta Fabrizio - durante una cena con Daniele, il ragazzo di Fabiola”. Proprio a tavola quindi è maturata l'idea di fare qualcosa per chi “... quando soffre non può ritirarsi dalla gara della vita”. Una prova durissima quella che si appresta ad affrontare Fabrizio Evangelisti, che ha portato a termine la competizione già lo scorso anno. “Non volevo più partecipare - spiega - a meno che non ci fosse stato un motivo utile e questo della raccolta fondi lo è e come. Io farò la gara ma questa idea è nata da una squadra che ha deciso di impegnarsi per lottare contro questa terribile malattia”. Nessun protagonismo quindi per l'atleta della Asd Triathlon Cuneo, ma voglia di fare qualcosa raccogliendo fondi che finanzieranno progetti di assistenza e ricerca e le attività del Centro regionale fibrosi cistica umbro con sede all'ospedale di Branca. Ed è proprio Fabiola Pecci, protagonista di una delle campagne Telethon per la donazione del 5 per mille alla fondazione (LEGGI Un volto gualdese per aiutare la ricerca di Telethon), a spiegare cosa le abbia insegnato la fibrosi cistica: “Ad amare ogni giorno di più la mia vita, anche se non è semplice come vorrei, la malattia ti insegna che non devi e non puoi arrenderti mai”. E' possibile sostenere Fabrizio e la sua impresa sul sito correreaperdifiato.it oppure sulla pagina Facebook “Correre a perdifiato”.