Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ludopatia, arriva il giro di vite per sale giochi e scommesse

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Nuovo regolamento per apertura sale giochi, sale scommesse e installazione degli apparecchi di giochi leciti. Via libera all'unanimità, quindi, con criteri rigidi per l'apertura di nuove strutture e avvio di nuovi giochi. L'obiettivo del Comune di Gualdo Tadino è quello di evitare effetti pregiudizievoli per la sicurezza urbana, la viabilità, l'inquinamento acustico e la quiete pubblica, limitando le conseguenze sociali dell'offerta dei giochi su fasce di consumatori psicologicamente più deboli. In particolare si vuole prevenire il gioco patologico “compulsivo”. VOTA IL SONDAGGIO Altro obiettivo dichiarato è quello di contenere i costi sociali ed economici, oltre che umani e morali, derivanti dall'abuso del gioco d'azzardo. LEGGI Vizio del gioco, 12 casi al mese: giovane con 30mila euro di debiti Per quanto riguarda i locali adibiti a sala giochi ed agenzie di scommesse devono, tra l'altro, essere ubicati esclusivamente al piano terra degli edifici, purché non all'interno o adiacenti ad unità immobiliari residenziali; non è ammesso l'utilizzo di locali interrati o seminterrati e l'accesso ai locali deve avvenire direttamente dalla pubblica via. Altra norma prevista è quella che vieta l'apertura di sale giochi ed agenzie di scommesse in locali che si trovino ad una distanza inferiore a metri 500 da istituti scolastici di ogni ordine e grado, strutture residenziali o semi residenziali operanti in ambito sanitario o socio sanitario, luoghi di culto, centro socio-ricreativi e sportivi, centri di aggregazioni giovanili e altre strutture frequentate principalmente da giovani nonché parchi e giardini pubblici. Una norma che non riguarda solo l'apertura di nuove strutture ma anche la nuova collocazione (prima o aggiunta) di apparecchi da gioco all'interno delle sale da gioco ed agenzie di scommesse rispetto a quelli già autorizzati alla data di entrata in vigore del presente regolamento. Regolamento che vieta anche la nuova collocazione di apparecchi da gioco che erogano denaro in locali già autorizzati alla installazione, che si trovino ad una distanza inferiore a cinquecento metri dagli stessi luoghi previsti per le sale giochi e sale scommesse.