Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Picchia vigile ed evade: il Comune annuncia censimento degli stranieri

Eleonora Sarri
  • a
  • a
  • a

Il Comune si costituirà parte civile contro il giovane tunisino che ha picchiato un agente della municipale (LEGGI L'ARTICOLO) ed è evaso dagli arresti domiciliari (LEGGI L'ARTICOLO). Il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti annuncia anche un censimento dei cittadini stranieri presenti nel territorio. Da due giorni agli arresti domiciliari per aver picchiato un agente della polizia municipale gualdese, il giovane tunisino se n'è andato a Nocera Umbra, ma non è sfuggito ai carabinieri che lo hanno trovato sotto un letto e lo hanno arrestato per evasione. Il ventenne è ora a Capanne. “La comunità gualdese non può più tollerare comportamenti di tale natura - è il monito lanciato da Presciutti - “Si tratta di un vicenda indegna”. Una decisione, quella di costituirsi parte civile che si accompagna all'idea di un censimento dei cittadini stranieri residenti nel territorio. “E' assurdo che la nostra comunità debba fare i conti con una persona che dopo essersi macchiata di un episodio così grave sia ancora libera. Chi risiede a Gualdo Tadino deve rispettare regole e norme del quieto vivere per il bene dell'intera collettività. Come Amministrazione abbiamo il dovere di contrastare chi cerca di delinquere e compiere atti riprovevoli".