Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alberghiero a Gubbio, Presciutti attacca: "Privilegiati interessi di campanile"

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

“L'offerta formativa e scolastica rappresenta una necessità primaria di ogni comunità”. A sostenerlo è il sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti all'indomani dell'approvazione da parte della Commissione del Consiglio regionale dell'Umbria dell'apertura dall'istituto alberghiero a Gubbio. “Ormai da troppo tempo in tema di scuola e di indirizzi scolastici - sottolinea il sindaco Presciutti - si va troppo spesso in ordine sparso, privilegiando interessi di campanile piuttosto che i bisogni degli studenti e del territorio. Anche gli ultimi atti, che hanno riguardato la nota vicenda dell'istituzione dell'istituto alberghiero a Gubbio, vanno a mio avviso in questa direzione”. Quello che invita a fare il sindaco gualdese è di ragionare di territorio nel suo complesso e non come singola città per questo potrà garantire una sua crescita “anche sotto l'aspetto scolastico e formativo, solo se sarà in grado di costruire un futuro legato ad una visione complessiva e non particolare”. “Paradossalmente, ad oggi, nella città di Gubbio si potrebbe arrivare ad avere più indirizzi scolastici che nel capoluogo di regione Perugia. Ciò dimostra in maniera inequivocabile che si continua ad agire in ordine sparso (forse volutamente) pensando troppo spesso al proprio orticello più che ai bisogni di un territorio più ampio - afferma il sindaco Presciutti - aggiungendo che questo è un modo che non può essere più tollerato. La scuola ed il futuro dei nostri ragazzi sono argomenti troppo importanti e non possono essere trattati in maniera disinvolta o peggio ancora opportunistica. La città di Gualdo Tadino è pronta a fare la sua parte e a svolgere il ruolo che le compete, a patto che nessuno pretenda di fare sempre e comunque l'asso pigliatutto. Di questo - conclude il sindaco Massimiliano Presciutti - è bene che ne prenda atto anche la Regione dell'Umbria prima di deliberare”.