Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Raggira una cliente, nei guai avvocato "sospeso"

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

La vicenda ha preso il via per merito di una professionista di Nocera Umbra. Da qui i carabinieri hanno avviato le indagini che hanno portato appunto alla denuncia nei confronti di una donna, avvocato di 50 anni, F. R. le sue iniziali, per i reati di abusivo esercizio di una professione, patrocinio infedele e truffa. La professionista si era rivolta al legale a seguito di una esclusione da un concorso pubblico, poiché riteneva fossero stati lesi i suoi diritti. Il legale, esperto in diritto amministrativo, ha ricevuto la vittima nel suo studio di Foligno e dopo aver visionato la documentazione del concorso ha accettato di difenderla dopo un pagamento di un'onerosa parcella. Poi il legale ha informato la cliente su come il ricorso da lei presentato stesse andando a buon fine e che fosse stata fissata anche la data d'udienza al competente Tar: per questo ha chiesto ulteriore denaro. Giunti al giorno dell'udienza l'avvocato ha riferito alla cliente che l'udienza era stata posticipata. Stessa cosa è avvenuta alla presunta data del rinvio. Successivamente un'altra comunicazione su un presunto cambio di strategia difensiva, con buone possibilità di ottenere un cospicuo risarcimento: intanto l'avvocato continua a chiedere soldi. Qui però la vittima si è insospettita, ha accertato l'inesistenza del ricorso rendendosi conto di essere stata raggirata. A questo punto si è rivolta ai carabinieri. Il legale era già stato sospeso dall'ordine degli avvocati per una vicenda analoga divulgata da "Striscia la Notizia".