Poche parole e tanti fatti!

Poche parole e tanti fatti!

15.04.2014 - 15:35

0
Da un giro di opinioni raccolte per la strada o nei vari luoghi d'incontro comune a tanta gente, emerge la sensazione che le cose in politica continuino a non essere affrontate come dovrebbero. Sembra apparso qualcuno che trasmette un certo entusiasmo e di gran lena comunica a tutti le tante cose che sa. Pare che lui solo abbia le ricette giuste in mente, anche se non si può dire in tasca, perché non si è certi della fattibilità di tali idee. Si ipotizza che finora siamo stati guidati da un branco di incompetenti, oppure di indifferenti ai veri problemi del paese e finalmente, si aspetta una svolta utile per i cittadini. Poi, però, approfondendo, l'entusiasmo cede il passo all'incertezza e all'insicurezza e questo non solo a causa del malessere che sfiducia un po' tutti, ma anche perché sembrano già svanire le prime promesse che sono state fatte a suo tempo (troppo poco tempo fa) per guadagnare terreno su altri. C’è chi imputa a giovani età l'incapacità di riconoscere le questioni nodali dei processi, per attivare le vere riforme necessarie, altri attribuiscono ai dispetti di palazzo la nascita di quelle frizioni che ostacolano volontariamente i successi possibili. Meglio sarebbe, a detta di ultimi, non far realizzare qualcosa di buono, piuttosto che farlo realizzare agli avversari, quindi boicottaggio a tutti i costi. Chi ci capisce di più tiri fuori il senno, per favore! Qui urge una rinascita totale! È vero che fino ad una certa età vengono sventagliate ai quattro venti tutte le cose che si sanno e anche quelle che non si sanno, pur di fare colpo. Certamente più utile sarà arrivare a dire solo le cose che si conoscono davvero, da maturi, fino a quando poi, da anziani, si diranno solo le cose che servono. Auguriamoci che al dire corrisponda il fare. Chi ha detto poche parole, mentre stava centrando il suo obiettivo, è stato Gesù di Nazareth! Gesù ha subito uno dei processi più assurdi della storia ed è stato condannato mentre si contravveniva alle leggi vigenti. Eppure, con poche parole e tanti fatti ha lasciato che si consumasse ciò che procurava il cambiamento più radicale della storia dell'uomo, di ogni tempo e per tutti i tempi. Quel che avvenne, storicamente, viene celebrato nella liturgia della settimana santa, di qui a pochi giorni, nelle chiese cristiane. Rimango stupito e dispiaciuto che mentre si vivono, nella fede plurimillenaria di un popolo, dei riti che fanno riferimento ad eventi nodali e nevralgici per la storia dell'Umanità, la maggior parte della gente continui ad essere distratta da tante altre cose. Il venerdì santo, a mio avviso, dovrebbe essere lutto nazionale, per riflettere sulla salvezza del mondo e per pensare a chi, appeso ad una croce, ha parlato di pace come mai nessun uomo. La legge dell'amore sopra ogni altra cosa, inteso come carità in azione, è il messaggio centrale di Gesù e se non recuperiamo l'amore all'uomo, per mettere al centro di ogni progetto la persona, si continuerà a farla fare da padrone soprattutto al profitto e di conseguenza si continueranno a mietere ora quelle ora queste vittime, a turno, una dopo l’altra. Prima che alle strategie politiche apriamo il nostro cuore all'amore verso il prossimo, solo allora le idee prenderanno una veste utile a tutti e si potranno fare passi in avanti. Arriva la Pasqua, la rinascita può essere totale! 

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mattarella ascolta l'inno nazionale eseguito per il concerto del 2 giugno

Mattarella ascolta l'inno nazionale eseguito per il concerto del 2 giugno

(Agenzia Vista) Roma, 01 giugno 2020 Mattarella ascolta l'inno nazionale eseguito per il concerto del 2 giugno Il tradizionale concerto al Quirinale per la Festa della Repubblica. A causa delle restrizioni imposte dall'emergenza Coronavirus, l'esibizione si è tenuta all'aperto nei Giardini del Quirinale, mentre il consueto ricevimento con il Presidente della Repubblica non si è tenuto. / ...

 
Mattarella: "Unita' morale viene prima della politica"

Mattarella: "Unita' morale viene prima della politica"

(Agenzia Vista) Roma, 01 giugno 2020 Mattarella unita' morale viene prima della politica Le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo messaggio per la Festa della Repubblica. / Quirinale Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Mattarella: "Sono fiero dell'Italia"

Mattarella: "Sono fiero dell'Italia"

(Agenzia Vista) Roma, 01 giugno 2020 Mattarella sono fiero dell'Italia Le parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo messaggio per la Festa della Repubblica. / Quirinale Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Fase 2, tra paura e incertezze tanta la voglia di partire per le vacanze estive. Il servizio

Fase 2, tra paura e incertezze tanta la voglia di partire per le vacanze estive. Il servizio

(Agenzia Vista) Bologna, 01 giugno 2020 Fase 2, tra paura e incertezze tanta la voglia di partire per le vacanze estive. Il servizio Dal 3 giugno saranno consentiti gli spostamenti tra regioni. “C’è tanta voglia di partire per le vacanze, in Italia ma anche all’estero”: a dirlo sono i titolari dell’agenzia Salvadori Viaggi. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Woody Allen, annuncio choc del regista: "Potrei smettere di girare film"

CINEMA

Woody Allen, annuncio choc del regista: "Potrei smettere di girare film"

«Stare a casa non è poi così male, ceno e poi mi guardo un film sullo schermo del televisore. Ma io non voglio fare film per i piccoli schermi, perciò potrei smettere del ...

01.06.2020

Stasera in tv 1 giugno 2020: programmi e film, cosa vedere. Da Dunkirk a Il Giovane Montalbano fino a Brignano

Televisione

Stasera in tv 1 giugno 2020: programmi e film, cosa vedere. Da Dunkirk a Il Giovane Montalbano fino a Brignano

Prima serata tv, quella di oggi primo giugno 2020, con una serie di programmi e film di primo piano nell'offerta dei palinsesti. Su Rai1 la replica de "La prima indagine di ...

01.06.2020

Mara Venier racconta la caduta dalle scale di casa: "Ho battuto anche la testa". Frattura al piede

Televisione

Mara Venier racconta la caduta dalle scale di casa: "Ho battuto anche la testa". Frattura al piede

Mara Venier è caduta dalle scale e domenica 31 maggio 2020 ha condotto Domenica In con la fasciatura al piede sinistro, poi risultato fratturato e che è stato ingessato. Oggi ...

01.06.2020