Solidarietà: solo per casi eccezionali?

Solidarietà: solo per casi eccezionali?

26.11.2013 - 11:03

0

Ormai la storia recente ci dimostra e ci insegna che la popolazione italiana sa essere molto solidale quando ce n’è bisogno.E’ sul bisogno che spesso mi interrogo. Sembra che le importanti azioni di solidarietà, come anche quelle di volontariato, siano impiegate nelle circostanze eccezionali o estreme. Quando accadono eventi terribili, che purtroppo sono capaci di mettere in ginocchio intere aree geografiche, situazioni familiari o personali, oppure quando si devono gestire avvenimenti quali cataclismi naturali, terremoti, inondazioni, alluvioni e così via  o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 

Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.

La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!

Frate minore cappuccino

o altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. 
Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.
La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale!
[FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli 
<CF90>Frate minore cappuccinoo altrettanto fallimenti, divorzi, malattie, lutti etc., allora scendono in campo le attenzioni di tanti, se non di tutti e ci si avvia alla ricerca dell'essere utili a qualcuno, a qualcosa o ad una causa nobile per cui valga la pena spendersi. Perché si aspetta la circostanza in cui valga la pena adoperarsi? Quanto sarebbe diverso se la solidarietà fosse cosa normale, se il volontariato fosse all'ordine del giorno, semplicemente perché ci si accorge dei bisogni dell’altro, senza aspettare che questo sia ormai a terra a causa di forze maggiori che sovrastano la sua volontà. Vorrebbe dire che si hanno occhi aperti alle necessità altrui e dunque, finalmente, lo sguardo piuttosto che essere rivolto solo verso se stessi sarebbe orientato anche all'esterno. Se così fosse per tutti, nessuno resterebbe senza aiuto. Impensabile credere di essere autosufficienti e non aver bisogno dell'altro e della sua solidarietà. L'altro non è un nemico o un avversario da distruggere per farsi posto, ma colui grazie al quale si capisce la propria identità e per mezzo del quale si supera la solitudine e l'egoismo. Il mondo dei giovani è sempre più attratto da situazioni di missionarietà e solidarietà, inoltre, nel campo del volontariato spesso dà il meglio di sé. Ciò che dobbiamo superare è l'attesa dell'evento straordinario per accorgerci dell'aiuto che possiamo offrire ogni giorno, come anche la tentazione di strumentalizzare luoghi di sofferenza per la visibilità personale. Sempre, possiamo e dovremmo manifestare all’altro la vicinanza necessaria affinché si senta accompagnato nel cammino della vita e scopra la bellezza dello scambio gratuito di doni e di risorse, facendo diventare sostanza il costruire nella comunione degli intenti.La solidarietà contribuisce a realizzare l’individuo, è un grande limite relegarla all’eccezionalità. Che grandezza se fosse normale![FIRMAPIEDE]Antonio Tofanelli <CF90>Frate minore cappuccino

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Berlusconi: "Umbria, rimediare allo sfascio"
Elezioni regionali

Berlusconi: "Umbria, rimediare allo sfascio"

Silvio Berlusconi, in Umbria per gli ultimi giorni della campagna elettorale delle regionali, manda un messaggio agli elettori umbri e poi commenta il titolo di prima pagina del Corriere dell'Umbria di mercoledì 23 ottobre (LEGGI). La nostra Cristiana Costantini ha avvicinato Berlusconi ad Assisi.

 
Innovazione e tecnologia applicate all'universo della metalmeccanica
L'Umbria che eccelle

Innovazione e tecnologia applicate all'universo della metalmeccanica

Da oltre mezzo secolo la Bisonni s.r.l. di Terni svolge la sua attività nel campo della metalmeccanica e realizza, con macchinari tecnologicamente avanzati, componenti per il settore siderurgico, elettrico, chimico e alimentare. Di recente si è anche specializzata nella lavorazione della grafite – considerata materiale del futuro – con la 3B New Technology, giovane azienda che fa sempre capo alla ...

 
Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge" Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine della sua audizione al Copasir: "Avverto una grande responsabilità, che qualcuno rappresenta come un potere, sull'intelligence. Cerco di interpretare questo compito nel rispetto della legge: la responsabilità ...

 
Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Perugia

Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Encuentro trasloca. Il festival della letteratura in lingua spagnola lascia il centro di Perugia e si trasferisce a Isola Polvese. Non solo, le date si spostano da maggio a ...

21.10.2019

Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019