L'affettuoso ricordo dell'attore assisano Mauro F Cardinali

Una Fondazione per Sergino

L'affettuoso ricordo dell'attore assisano Mauro F Cardinali

26.07.2014 - 21:09

0

Bruciare di passione, Sergio è morto cosi.
Non penso alle ambulanze o ai ritardi dei medici, lo farà giustamente qualcun altro.
A me piace immaginarlo cadere delicatamente a terra dietro al main stage di un gran festival, spegnersi cosi, con il suo gran bel sorriso stampato in faccia.
Onorare la santa morte con una gran risata dopo l’ultimo assolo.
Bruciare di passione.
Una delle immagini più forti ed indelebili che ho di lui e che sempre mi accompagna già da prima dello “scherzaccio” di giugno, risale al lunedi successivo all’edizione 2013 del Music for sunset; eravamo di fronte al chiosco, le borse a terra pronti a tornare sulla terraferma entusiasti dal successo della quattro giorni nella mistica “Maggiore”.
Sergio era felice e stanco, esausto, distrutto...seduto in una panca di legno con le gambe distese e gli occhi chiusi, non sarebbe voluto ripartire da li, voleva rimanere a riposare, voleva stare sull’isola aspettando la nuova edizione, basta con altri lavori, basta con le discussioni con le amministrazioni, basta nervosismi, basta accordi e disaccordi.solo pace, riposo musica e tramonto....prima o poi diceva, prima o poi mi fermo e faccio solo questo, all’isola, sulla lingua del cigno, al prato dell’Oso, sul palco del teatro della roccia.
!Niente più pensieri, dedicarmi solo a ciò che mi piace, che mi rigenera e mi da vita”.
Ma anche quel lunedi, come tanti altri infiniti lunedi, il giorno più pesante per chi vive di musica, doveva ripartire. Poi nel pomeriggio il gran dolore alla gamba, la paura e quindi l’ospedale per un controllo.
Riposo, ci voleva riposo.
Fu grazie a Riccardo Regi che conobbi Sergio.
Sul palco del teatro Pavone c’era l’Estate di San Martino, ad accompagnare la band il compianto Francesco di Giacomo, Gabriele Russo e Goffredo degli Esposti dei Micrologus ed io, giovane attore “locale” che insieme a Di Giacomo, a Steve Hackett ed altri artisti partecipammo all’uscita del nuovo disco dello storico gruppo perugino.
Il giorno seguente Sergio mi chiamò per collaborare al 50° anniversario dei Beatles che poi presentai insieme a Leonardo Malà e Paola Costantini. La nostra amicizia e il desiderio di continuare a collaborare crebbe. Cosi, visto il successo dell’evento beatlesiano credemmo che sarebbe stata una buona idea pensare ad una qualche performance per il concerto di Vinicio Capossela alla Città della domenica, cosi diventai l’anarchico Matiotis esiliato dalla grecia ed approdato con il suo vecchio camper all’ingresso del concerto, dove all’interno ospitavo chi volesse del pubblico a meglio conoscere attraverso la mia storia l’origine e l’anima del Rebetiko.
Quando Sergio è entrato nel camper non credeva ai suoi occhi, era entusiasta e commosso.
Accoglieva le mie idee, avevo poi carta bianca, aveva bisogno di folle verità. Sergio mi ha sempre dato fiducia, la libertà e la voglia di esplorare, tentare, improvvisare,cercare ed offrire; anche grazie alla sua complicità e alla sua ammirazione, tanta. Nel mio lavoro quando hai delle visioni ma ben pochi appigli sapere di poter contare sulla fiducia di qualcuno di importante è fondamentale. Mi sono sempre sentito onorato della sua amicizia e della possibilità di lavorare insieme.
Anche quest’anno avrei dovuto chiudere il suo festival, come l’anno passato quando con una atavica e disperata “caccia alla luna”, che tanto lo aveva fatto sognare e risvegliare “la voglia di arrivare lontano”, mi strinse a sé e mi ringraziò per riuscire sempre a sorprenderlo.
Spero di crescere conservando come lui quel desiderio di sorpresa e curiosità.
Sergio mi manca dal primo istante, appena chiusa la telefonata con Prince l’11 giugno. Sia Gianluca che io siamo da poche settimane dei neopapà, e non abbiamo potuto avere il piacere di far prendere in braccio a Sergio i nostri figli, di avergli fatto conoscere il suo sorriso direttamente senza doverglielo un giorno raccontare, quel sorriso profondo contagioso e puro di immenso eterno bambino.
La gente parla, la gente conosce la gente, la gente giudica la gente, la gente critica la gente. La gente non conosce la gente. Sergio era furbo, era scaltro, era bugiardo...
Sergio era un uomo, punto.
E per ottenere la fiducia di un uomo ci devi saper parlare, anche rimanendo in silenzio.
Sergio ed io rimanevamo spesso in silenzio. Io e Sergio ci sapevamo parlare.
Quello che abbiamo detto abbiamo fatto anche tra mille difficoltà, e con il cuore venerdì l’ho salutato alla mia maniera sulla lingua del cigno, che tanto amava e che tanto ci ha fatto amare quando con i suoi concerti accompagnava la lenta quotidiana morte del sole.
Spero che il suo nome torni ad essere affiancato a quello di eventi unici, grandi eventi in suo onore con tanti grandi nomi affiancati da altrettanti giovani artisti, sconosciuti ma con qualcosa di vero da dire ed offrire che possano avere la possibilità di esprimersi, come piaceva a lui, a Sergio Piazzoli promoter, organizzatore, folle bambino, uomo bruciato dalla passione.

* attore

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, Casellati: Italia supererà la fase critica"

Coronavirus, Casellati: Italia supererà la fase critica"

(Agenzia Vista) Roma, 25 febbraio 2020 Coronavirus, Casellati: Italia supererà la fase critica" “In apertura dei nostri lavori, consentitemi di rivolgere il mio cordoglio personale e di tutto il Senato ai familiari delle persone che, nei giorni scorsi, hanno perso la vita a causa del contagio da coronavirus. Desidero inoltre esprimere la solidarietà mia e di tutta l’Assemblea alla comunità e alle ...

 
Video Griezmann riprende Mertens: 1-1 tra Napoli e Barcellona
CALCIO CHAMPIONS LEAGUE

Video Griezmann riprende Mertens: 1-1 tra Napoli e Barcellona

Napoli-Barcellona, ottavi di andata di Champions League, finisce 1-1. Al gol nel primo tempo, al 29', di Mertens (che tocca quota 121 gol in azzurro, record assoluto che eguaglia quello di Marek Hamsik) risponde Griezmann nella ripresa. Nel finale di gara espulso il cileno Vidal per doppia ammonizione, il secondo giallo per proteste. Match di ritorno il 18 marzo. Nell'altro match di serata, ...

 
Coronavirus, le operazioni di vestizione dei medici che lavorano con pazienti contagiati dal virus

Coronavirus, le operazioni di vestizione dei medici che lavorano con pazienti contagiati dal virus

(Agenzia Vista) Roma, 25 febbraio 2020 Coronavirus, le operazioni di vestizione dei medici che lavorano con pazienti contagiati dal virus La Protezione Civile ha allestito una tensostruttura per il pre triage all’istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani. La struttura potrebbe essere utilizzata per aumentare la capacità d’accoglienza dell’istituto in caso di emergenza. Durante ...

 
INFOGRAFICA Morto l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak, aveva 91 anni INFOGRAFICA

INFOGRAFICA Morto l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak, aveva 91 anni INFOGRAFICA

(Agenzia Vista) Cairo, 25 febbraio 2020 INFOGRAFICA Morto l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak, aveva 91 anni INFOGRAFICA E' morto l'ex presidente egiziano Hosni Mubarak, aveva 91 anni. Era malato da tempo e ricoverato all'ospedale militare Galaa al Cairo. Mubarak ordinò l'attacco contro Israele nella guerra dello Yom Kippur nel 1973. Dopo la guerra l'Egitto firmò la pace con Israele nel 1979. ...

 
Il paradiso delle signore, anticipazioni: Angela Barbieri rapirà suo figlio

Soap

Il paradiso delle signore, anticipazioni: Angela Barbieri rapirà suo figlio

Qualcosa lo si era capito già dalle anticipazioni della scorsa settimana sul Paradiso delle signore, ma adesso c'è la certezza: Angela Barbieri (Alessia Debrandi) rapirà il ...

26.02.2020

Pechino Express 2020, violenta lite all'arrivo a Bangkok. I Wedding Planner vincono la tappa ma una coppia esce

In tv

Pechino Express 2020, violenta lite all'arrivo a Bangkok. I Wedding Planner vincono la tappa ma una coppia esce

Pechino Express 2020, 532 chilometri tra avventure più o meno piacevoli fino all'arrivo a Bangkok, la perla dell'Asia come l'ha definita Costantino della Gherardesca. Tra le ...

26.02.2020

Grande Fratello vip 4, presunta bestemmia di Paolo Ciavarro: è a rischio squalifica

Reality

Grande Fratello vip 4, presunta bestemmia di Paolo Ciavarro: è a rischio squalifica

Grande Fratello vip 4, i colpi di scena non finiscono mai. Paolo Ciavarro è sotto accusa sui social per una presunta bestemmia che avrebbe pronunciato nella Casa più spiata ...

25.02.2020