Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Si ricorda Andrea Angelucci

Andrea Angelucci

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Ricorre domenica 2 ottobre il settimo anniversario della morte del maresciallo Capo dei Carabinieri Andrea Angelucci, medaglia d'oro al valore civile. Per la circostanza, i familiari, tutta l'Arma dei Carabinieri e la città di Spello ricorderano il giovane carabiniere tragicamente scomparso all'età di soli 36 anni nell'adempimento del dovere. Le celebrazioni inizieranno alle ore 10.15 presso i giardini pubblici “Alle vittime del Dovere” di Spello dove saranno deposti dei fiori ai piedi della stele intitolata alla memoria del militare, cui seguirà un breve momento di preghiera a cura del parroco Don Diego Casini. Alle ore 11 presso la chiesa di Santa Maria Maggiore sarà celebrata la Santa Messa in suffragio, alla quale prenderanno parte, tra gli altri,  il Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Interno - on. Gianpiero Bocci, il Comandante Generale dell'Arma dei Carabinieri - Generale di Corpo d'Armata Tullio Del Sette, il Comandante della Legione Carabinieri Umbria - Generale di Brigata Francesco Benedetto ed il Colonnello Cosimo Fiore - Comandante Provinciale dei Carabinieri di Perugia. Fra gli eventi organizzati dalla famiglia Angelucci in collaborazione con l'Arma dei Carabinieri e l'amministrazione comunale in ricordo del giovane maresciallo, anche il convegno dal titolo ”Una vita per la vita” svoltosi nella mattinata di sabato 1 ottobre presso la Sala dell'Editto del palazzo comunale di Spello, presieduto dal cardiologo dott. Paolo Paolocci – Presidente dell'associazione “Amici del Cuore Valle Umbra”, conclusosi con la donazione da parte della famiglia alla comunità di Spello di un apparecchio defibrillatore collocato in piazza della Repubblica all'ingresso della scuola “Ferraris”. Nella stessa serata, alle ore 21, gli amici ed i colleghi di Andrea Angelucci, come ogni anno, si sono riuniti attorno alla sua famiglia per la celebrazione del santo rosario in località Volperino di Foligno, luogo in cui venne mortalmente investito il Maresciallo, dove è presente una stele in suo ricordo.