Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Madre di quattro figli muore e dona gli organi

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

Una madre di 4 figli colpita da un'emorragia celebrale che non le ha lasciato scampo e la decisione della famiglia di consentire l'espianto degli organi. Una decisione sofferta, ma soprattutto un gesto estremo d'amore avvenuto proprio nella notte di San Valentino (LEGGI DOPPIA DONAZIONE DI ORGANI NELLA NOTTE). Nonostante il dolore, un grande inno alla vita. Perchè grazie a lei e a i suoi familiari, ora altre tre persone potranno continuare a vivere e a sperare di condurre un'esistenza più dignitosa. A rendere nota la vicenda è stata la direzione sanitaria dell'ospedale San Giovanni Battista di Foligno, presso il quale si sono svolte le operazioni di espianto che hanno visto impegnata per tutta la notte un'equipe multidisciplinare di medici e infermieri. "Prima di tutto ci preme ringraziare la famiglia della signora che non ha esitato un attimo a dare l'autorizzazione per compiere questo atto di immensa generosità, visto che la donna non aveva reso note le sue volontà quando era ancora in vita - ha spiegato il direttore sanitario del San Giovanni Battista, Franco Santocchia - la speranza, ora, è che questa storia aiuti a sensibilizzare l'opinione pubblica su un argomento come quello della donazione degli organi che è ancora troppo poco conosciuto". La donna, una cinquasettenne originaria della media valle del Tevere, moglie e madre di 4 figli, era stata ricoverata nelle settimane scorse presso il San Giovanni Battista a causa di un'emorragia celebrale. Trasferita presso il reparto di neurochirurgia di Terni, dove i medici hanno valutato il suo quadro clinico come inoperabile, è stata quindi riportata a Foligno dove è avvenuta la morte celebrale. Oltre al dottor Zava, la squadra di medici che ha condotto le operazioni sono stati Patrizia Fratta, responsabile locale dei prelievi d'organo; Liana Lentischio, responsabile della rianimazione; Luciana Rotelli, responsabile dell'anestesia e i medici Michela Cascelli, Cristina Paganelli, Maurizio Giuliani, Andrea Tarquini, Angelo Boschi, Valeria Pellegrino, Stefano Stefanucci e Vincenzo Locci. A coordinare tutta la procedura la dottoressa Tiziana Garzilli, direttrice del centro trapianti di Perugia.