Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Paura di furti e rapine, la gente si fa scortare a casa dai vigilantes

Susanna Minelli
  • a
  • a
  • a

Le richieste sono fra le più disparate. Dai gruppi di cittadini che chiedono il presidio notturno della propria zona per tenere alla larga ladri e malintenzionati, a chi addirittura - in particolare se è solo o anziano - si fa scortare fino all'interno della propria abitazione. VOTA il sondaggio Questi sono solo alcuni dei servizi che vengono richiesti alle aziende specializzate nell'ambito della sicurezza privata, ma che danno la cifra di quanto sia basso il tasso di sicurezza percepita. E così un noto imprenditore della zona fa scortare in auto dalla vigilanza la propria figlia ogni qualvolta il venerdì o il sabato sera rincasa in piena notte dalla discoteca. O nel caso della giovane donna residente nella frazione di Sterpete, che viene accompagnata fino all'interno della propria abitazione dagli agenti di vigilanza. Un servizio di cui usufruiscono molte donne, per la maggior parte anziane e sole. Ma non solo. Nel corso degli ultimi mesi infatti, sono state diverse le coppie di neosposi che hanno usufruito del servizio di sicurezza per far vigilare le propria casa nei giorni della cerimonia stessa e del successivo viaggio di nozze. Non più dunque solo vigilantes a servizio di esercizi commerciali o come scorta ai dipendenti delle aziende incaricati di versare denaro alla cassa continua. Basti pensare che dal 15 febbraio saranno attive pattuglie di vigilanza privata a spese dei cittadini nelle zone di Sterpete e Sant'Eraclio, e presto la nuova modalità potrebbe approdare nelle aree di campagna circostanti a Spello.  LEGGI IL SERVIZIO COMPLETO SULL'EDIZIONE DI MERCOLEDI' 4 FEBBRAIO DEL CORRIERE DELL'UMBRIA