Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Turchia, attacchi aerei su Siria e Iraq contro i curdi: "E' l'ora della vendetta"

  • a
  • a
  • a

La Turchia ha lanciato attacchi aerei sulle regioni settentrionali della Siria e dell'Iraq, ha dichiarato il ministero della Difesa turco, prendendo di mira le milizie curde, che Ankara ritiene responsabili dell'attentato della scorsa settimana a Istanbul. Gli aerei hanno attaccato le basi del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk) e delle Unità di Protezione del Popolo (Ypg) siriane. Lo ha dichiarato il ministero in un comunicato, accompagnato da immagini di jet F-16 che decollano e da filmati di un attacco da parte di un drone aereo. Non ci sono stati commenti immediati da parte dei gruppi curdi.

Il ministero ha citato il diritto della Turchia all'autodifesa ai sensi dell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite per lanciare un'operazione che ha chiamato Claw Sword, dopo l'operazione Claw Lock dello scorso aprile. Il ministero ha dichiarato di aver preso di mira aree "utilizzate come base dai terroristi per i loro attacchi al nostro Paese". La Turchia ha spiegato di voler prevenire gli attacchi, rendere sicuro il suo confine meridionale e "distruggere il terrorismo alla sua fonte". Il Ministro della Difesa Hulusi Akar ha supervisionato gli attacchi aerei da un centro operativo e si è congratulato con i piloti e il personale di terra. "Il nostro obiettivo è quello di garantire la sicurezza dei nostri 85 milioni di cittadini e dei nostri confini e di rispondere a qualsiasi attacco insidioso contro il nostro Paese", ha dichiarato il ministro, secondo quanto riportato da un comunicato del ministero. In seguito agli attacchi, il Ministero della Difesa ha pubblicato la foto di un caccia F-16 con la frase: "È l'ora della vendetta! I furfanti sono chiamati a rispondere dei loro attacchi a tradimento".

L'agenzia di stampa Dha ha riferito che gli F-16 sono decollati dagli aeroporti di Malatya e Diyarbakir, nel sud della Turchia, mentre i droni sono stati lanciati da Batman. Gli attacchi aerei hanno preso di mira Kobane, una città siriana strategica a maggioranza curda vicino al confine turco che Ankara aveva già tentato di conquistare nei suoi piani di stabilire una "zona di sicurezza" lungo la Siria settentrionale. Il portavoce delle Forze Democratiche Siriane, Farhad Shami, ha aggiunto in un tweet che due villaggi fortemente popolati da sfollati hanno subito i bombardamenti turchi. Ha spiegato che gli attacchi hanno provocato "morti e feriti". Nel vicino Iraq, il Consolato generale degli Stati Uniti a Erbil ha dichiarato che sta monitorando "credibili rapporti open-source" di una potenziale azione militare turca nel nord della Siria e nel nord dell'Iraq. L'autorità a guida curda nel nord-est della Siria ha dichiarato che i combattenti della zona hanno "il diritto di resistere e difendere le nostre aree in un modo importante che porterà la regione in una lunga guerra".