Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Regno Unito, la premier Liz Truss annuncia le dimissioni. Era alla guida del governo da appena sei settimane

  • a
  • a
  • a

La premier britannica Liz Truss ha annunciato le proprie dimissioni dopo appena sei settimane alla guida del governo. Truss lo ha ufficializzato in una dichiarazione ai media fuori del numero 10 di Downing Street di Londra. Le elezioni per il nuovo leader del partito conservatore britannico, e nuovo premier del Regno Unito, si terranno "entro la prossima settimana". Lo ha dichiarato la stessa Liz Truss che resterà alla guida del governo fino alla nomina del suo successore.

La premier ha deciso di dimettersi dopo aver incontrato Graham Brady, il capo del cosiddetto Comitato 1922 che, secondo la tradizione britannica, ha il compito di organizzare un voto di sfiducia quando un ampio numero di deputati gli scrivono che voteranno contro il premier di turno. E' stato lui a comunicare a Truss che la maggioranza del suo partito era pronta a schierarsi contro di lei. La premier ha voluto risparmiarsi l'umiliazione della sfiducia e ha annunciato le dimissioni. La stessa trafila che fu seguita da Theresa May prima e Johnson poi. L'ennesima conferma, se mai fosse stata necessaria, che ormai nel Regno Unito regna l'instabilità politica.

Le dimissioni rassegnate nei giorni scorsi prima dal ministro delle Finanze, Kwasi Kwarteng, e poi da quello dell'Interno, Suella Braverman, considerati tra i maggiori alleati della premier, avevano fatto già ipotizzare un passo indietro della stessa Truss. Chi sarà il nuovo inquilino di Downing Street? Ovviamente i laburisti attaccano i conservatori e chiedono elezioni anticipate per "ristabilire stabilità e legittimità dopo le dimissioni di una premier che era stata eletta con il voto di appena 80 mila iscritti" ai Tories nelle primarie sei settimane fa. Se non si votasse, i Tories insedierebbero il quinto primo ministro in sei anni. Un clamoroso record negativo per il Regno, abituato sempre alla stabilità politica.