Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"A Mosca in corso arresti di militari", soffiata ucraina. Sospetti su attacco a ponte Crimea

  • a
  • a
  • a

Arresti di personale militare sarebbero in corso a Mosca: lo riferiscono vari media ucraini, tra cui l'agenzia Unian e il portale Tpyxa, secondo cui le unità d'élite della guardia russa, la divisione operativa Dzerzhinsky, sono entrate in città e si dirigono verso il centro, dove il traffico sarebbe stato interrotto, insieme a gruppi delle forze di polizia. Tutte le unità militari nel perimetro di Mosca sarebbero  state poste in allerta.

 

«L’Fsb (il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa) tenta di eliminare la leadership del ministero della Difesa russo, prima del cambio del personale. I servizi sono al tappeto: hanno mancato l’esplosione del ponte di Putin. Ora il ministero della Difesa può incolparli per la futura sconfitta nel Sud.

 

 

Non è ovvio chi ha causato l’esplosione? Il camion è arrivato dalla Federazione Russa». Così, su Twitter, il consigliere presidenziale ucraino Mykhailo Podolyak, che lascia intendere che dietro l’attacco al ponte di Kerch, che collega la Russia alla Crimea, vi sarebbe la mano russa e, in particolare, un regolamento di conti fra il ministero della Difesa e i servizi di intelligence dell’Fsb.