Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guerra, regione di Zaporizhzhia chiede annessione alla Russia

  • a
  • a
  • a

E' una delle regioni in cui si stanno concentrando più combattimenti nelle ultime settimane della guerra tra Ucraina e Russia, preoccupando - per via della presenza di una centrale nucleare - il mondo intero. Stiamo parlando di Zaporizhzhia che adesso, dopo i risultati del referendum che Valdimir Putin ha imposto in quattro regioni ucraine per farle entrare a far parte del suo Paese, chiederà l'annessione al territorio inizialmente visto come nemico. Sì perché le autorità di Zaporizhzhia si rivolgeranno proprio a Putin con la richiesta di esaminare la questione dell'adesione della regione alla Federazione Russa. Lo ha annunciato il presidente del movimento Siamo insieme alla Russia, Vladimir Rogov, come riporta Tass. "Oggi faremo un appello a Vladimir Putin - ha detto Solovyov - Per quanto ho capito la logica del processo, questo appello sarà preso in considerazione nei prossimi giorni".

 

 

L'esito del referendum farsa è stato scontato, con gli abitanti delle quattro regioni che hanno detto sì all'annessione alla Russia. Una decisione che, secondo Vyacheslav Volodin, presidente della Duma di Mosca, "salverà milioni di persone dal genocidio". Come riporta la Tass citando il suo account Telegram, Volodin ha postato uno schema dei risultati del voto contestato globalmente - diffusi dalle autorità locali - risultati favorevoli in percentuali elevatissime all’adesione alla Russia, commentando: "Questo ci dà l’opportunità di fare insieme dei piani per il futuro".

 

 

Ma l'Unione europea non ci sta. Su Twitter, l'Alto rappresentante per la politica estera scrive: "L'Ue denuncia lo svolgimento di referendum illegali e il loro esito falsificato. Questa è un'altra violazione della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina, in mezzo a violazioni sistematiche dei diritti umani. Lodiamo il coraggio degli ucraini, che continuano a opporsi e resistere all'invasione russa". Insomma, da qui a venerdì - cioè quando secondo l'intelligence britannica Putin annuncerà l'annessione delle quattro regioni - la diplomazia continuerà a lavorare per evitare nuove escalation.