Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Zaporizhzhia, c'è la data della missione Aiea alla centrale nucleare: ispettori in campo da mercoledì 31 agosto a sabato 3 settembre

  • a
  • a
  • a

Si terrà a partire da domani, mercoledì 31 agosto, e fino a sabato 3 settembre, la missione della squadra di ispettori dell'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica, alla centrale nucleare di Zaporizhzhia. La squadra è arrivata a Kiev lunedì sera e il direttore dell'Aiea, Rafael Grossi, ha riferito che il team da lui guidato visiterà l'impianto da mercoledì a sabato. Lo riporta il Guardian. "Dobbiamo proteggere la sicurezza dello stabilimento nucleare più grande d'Ucraina e d'Europa", ha scritto Grossi su Twitter.

 

 

Mosca spera che le conclusioni della missione dell'Aiea a seguito della visita alla centrale nucleare di Zaporizhzhia siano obiettive e senza una "connotazione politica". Lo ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova. Lo riporta Ria Novosti. "La nostra posizione è di assistere in ogni modo possibile, anche politicamente, il lavoro dei diplomatici, il lavoro su piattaforme internazionali, per assistere e facilitare lo svolgimento di questa missione, e le conclusioni non dovrebbero avere alcuna sfumatura politica, devono essere obiettive", ha detto Zakharova. Mosca parte dal fatto che la missione degli ispettori dell'Aiea "si compone di specialisti nel loro campo, persone che si occupano professionalmente del problema dell'energia nucleare, degli impianti nucleari".

 

 

Intanto, sempre secondo Mosca, il tetto dell'edificio numero 1 della centrale sarebbe stato danneggiato a causa dei bombardamenti delle truppe ucraine. Lo ha affermato Vladimir Rogov, rappresentante dell'amministrazione filorussa della regione. Lo riporta Ria Novosti pubblicando anche una foto postata dallo stesso politico sul suo canale telegram. L'edificio - viene spiegato - è quello dove viene immagazzinato il carburante necessario per il funzionamento dei reattori. La situazione delle radiazioni, comunque, "è normale". Lo rendono noto le autorità filorusse locali.