Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Paura nucleare, la Russia si oppone e non firma il trattato

  • a
  • a
  • a

La Russia ha bloccato l'accordo sul documento finale di una revisione di quattro settimane del trattato delle Nazioni Unite, considerato la pietra angolare del disarmo nucleare. Nel documento si criticava l'acquisizione militare della centrale nucleare di Zaporizhzhia subito dopo che le truppe russe hanno invaso l'Ucraina. Un atto che ha sollevato i timori di un disastro nucleare. Igor Vishnevetsky, vicedirettore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del ministero degli Esteri russo, ha dichiarato alla riunione finale ritardata della conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione nucleare di 50 anni che "purtroppo non c'è consenso su questo documento". Ha insistito sul fatto che molti Paesi - non solo la Russia - non erano d'accordo con "tutta una serie di questioni" nell'ultima bozza di 36 pagine. Il documento finale necessitava dell'approvazione di tutti i Paesi partecipanti alla conferenza che sono parti del trattato volto a frenare la diffusione delle armi nucleari.

L'ambasciatore argentino Gustavo Zlauvinen, presidente della conferenza, ha affermato che la bozza finale rappresenta i suoi migliori sforzi per affrontare le opinioni divergenti e le aspettative delle parti "per un risultato progressivo" in un momento storico in cui "il nostro mondo è sempre più sconvolto da conflitti e, cosa più allarmante, la prospettiva sempre crescente dell'impensabile guerra nucleare". Dopo che Vishnevetsky ha parlato, Zlauvinen ha detto ai delegati: "Vedo che a questo punto la conferenza non è in grado di raggiungere un accordo sul suo lavoro sostanziale". La conferenza di revisione del Tnp dovrebbe tenersi ogni cinque anni, ma è stata ritardata a causa della pandemia di Covid 19. L'ultima conferenza di revisione del 2015 si è conclusa senza un accordo a causa di gravi divergenze sull'istituzione di una zona mediorientale priva di armi di distruzione di massa. Problemi che non sono scomparsi ma sono in fase di discussione, e la bozza dei documenti sui risultati ottenuti dall'Associated Press avrebbe riaffermato l'importanza di creare una zona del Medioriente denuclearizzata.

La questione che ha cambiato la dinamica della conferenza è stata l'invasione russa dell'Ucraina il 24 febbraio, che ha portato all'avvertimento del presidente russo Vladimir Putin che la Russia è una "potente potenza nucleare" e che qualsiasi tentativo di interferire porterebbe a "conseguenze non ho mai visto''. Ha anche messo in massima allerta le forze nucleari russe. Putin da allora è tornato indietro, dicendo che "una guerra nucleare non può essere vinta e non deve mai essere combattuta", un messaggio ribadito da un alto funzionario russo il giorno di apertura della conferenza del Tnp il 2 agosto. La minaccia iniziale del leader russo e l'occupazione della centrale nucleare di Zaporizhzhia nel sud-est dell'Ucraina, nonché l'acquisizione della centrale nucleare di Chernobyl, teatro del peggior disastro nucleare del mondo nel 1986, hanno rinnovato i timori globali di un'altra emergenza nucleare. I quattro riferimenti nella bozza di documento finale all'impianto di Zaporizhzhia, dove Russia e Ucraina si accusano a vicenda di bombardamenti, avrebbero fatto sì che le parti del Tnp avessero espresso "grave preoccupazione per le attività militari" presso o vicino all'impianto e ad altre armi nucleari impianti.