Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guerra, bombe russe su Kharkiv: tra gli obiettivi anche una scuola

  • a
  • a
  • a

Nella notte missili S-300 russi hanno colpito il centro di Kharkiv, in Ucraina, e tra gli obiettivi c’è anche un edificio a due piani e una scuola (un istituto di istruzione superiore). Il sindaco Ihor Terekhov ha reso pubbliche queste informazioni su Telegram, riferisce Ukrinform. "Alle 4.09 gli attacchi sono arrivati. Entrambi nella parte centrale della città. In un caso è stato colpito un edificio di due piani. Il servizio di emergenza statale è già al lavoro: stanno smantellando le macerie, cercando persone sotto di esse", ha scritto Terekhov. Secondo il primo cittadino, nel secondo caso, il russi hanno preso di mira la costruzione di uno degli istituti di istruzione superiore di Kharkiv. "Attualmente non ci sono informazioni sui feriti o sui morti", ha aggiunto il sindaco.

 

 

Inoltre i missili russi tornano a colpire la zona di Kiev per la prima volta da settimane, mentre l’esercito ucraino nel sud del Paese aumenta gli sforzi per riprendere il controllo della regione occupata di Kherson, conquistata dalle forze di Vladimir Putin nelle prime battute della guerra. Secondo gli ucraini, si tratta di una vendetta del Cremlino per la loro resistenza. Ma Kiev non è l’unica zona attaccata dai russi giovedì: è stata presa di mira, sempre nel nord, la regione di Chernihiv, che non veniva colpita da settimane, un attacco che secondo il governatore Vyacheslav Chaus sarebbe partito dal territorio della Bielorussia. E un razzo russo ha anche provocato 5 morti e 25 feriti a Kropvynytskyi, circa 250 chilometri a sudest di Kiev, dove sono stati attaccati hangar e danneggiati aerei civili. Dalle regioni di Kiev e Chernihiv le truppe russe si erano ritirate mesi fa, dopo che non erano riuscite a catturarle.

 

 

E i nuovi attacchi giungono all’indomani delle dichiarazioni del leader dei separatisti filorussi nell’est dell’Ucraina, Denis Pushilin, che ha invitato le forze russe a "liberare le città russe fondate dal popolo russo: Kiev, Chernihiv, Poltava, Odessa, Dnipropetrovsk, Kharkiv, Zaporizhzhia, Lutsk". La regione di Kiev, secondo quanto fatto sapere dall’esercito ucraino, è stata attaccata da Mosca con sei missili lanciati dal Mar Nero: è stata colpita un’unità militare nel villaggio di Liutizh, alla periferia della capitale, mentre Kiev ha abbattuto uno dei missili a Bucha, con un bilancio di 15 feriti, 5 dei quali civili.