Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Russia attacca Di Maio: "L'Italia cerchi le cause della crisi di governo nei suoi errori"

  • a
  • a
  • a

La Russia torna ad attaccare nuovamente l'Italia e il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, dopo le dichiarazioni rilasciate da quest'ultimo nei giorni scorsi secondo cui al Cremlino stavano "brindando" per le dimissioni presentate da Mario Draghi. "I politici europei dovrebbero cercare le cause delle crisi interne nei loro errori e nella mancanza di professionalità", ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, in un commento - precisa l’agenzia di stampa Tass - riferito alle dichiarazioni dell'ex grillino.

 

 

"Consigliamo ai politici europei di cercare le cause delle loro crisi interne nei loro errori e nella mancanza di professionalità, le cui conseguenze sociali ed economiche sono sempre più avvertite dai cittadini comuni dei Paesi dell’Ue", ha sostenuto Zakharova. Secondo la portavoce, Di Maio continua a cercare le cause esterne dei problemi politici interni dell’Italia. "Noi stessi siamo sbalorditi dalla potenza della diplomazia russa, stando a quanto suggeriscono i media italiani. Si scopre che i nostri ambasciatori possono cambiare i governi con un paio di chiamate", ha sottolineato ironicamente.

 

 

"I rappresentanti di altri Paesi occidentali hanno ripetutamente provato con questi trucchi quando non c’era nessuno da incolpare per i propri fallimenti nel mezzo del crescente malcontento popolare - ha aggiunto - Questo, in particolare, è esattamente ciò che sta accadendo oggi nei mercati dell’energia e del cibo". Zakharova ha evidenziato che "contrariamente agli Stati veramente democratici, i cui rappresentanti spesso ammettono apertamente e senza ombra di imbarazzo la loro partecipazione alla preparazione di colpi di Stato in altri Paesi, la Russia ha sempre aderito e continua ad aderire al principio di non-ingerenza negli affari degli Stati sovrani e le sue istituzioni diplomatiche osservano rigorosamente la Convenzione di Vienna del 1961 sulle relazioni diplomatiche". "Questo - ha chiosato - è stato più volte sottolineato, anche l’altro giorno nel contesto degli eventi di politica interna in Italia".