Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grecia, aereo cargo precipita a Kavala: morte otto persone. Trasportava 12 tonnellate di materiale tossico | Video

  • a
  • a
  • a

Sono otto le vittime causate dallo schianto di un aereo cargo avvenuto ieri sera, sabato 16 luglio, in Grecia, nei pressi della città di Kavala, situata nel nord-est del Paese. Il velivolo era un Antonov An-12, e secondo i media locali trasportava 12 tonnellate di materiale tossico. Un problema dunque per i residenti e per l'ambiente, visto che sono stati sprigionati fumi velenosi. Le autorità hanno chiesto agli abitanti della zona di tenere le finestre chiuse e di non accendere l’aria condizionata.

 

 

Secondo alcune segnalazioni, a bordo dell’aereo, decollato da Nis in Serbia e diretto ad Amman in Giordania, ci sarebbero state munizioni, tanto che secondo alcuni testimoni, dopo lo schianto si sarebbero sentite diverse esplosioni. Il pilota aveva chiesto un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Kavala per un’avaria a un motore, ma non ci è mai arrivato schiantandosi a circa 40 chilometri dallo scalo.

 

 

Le immagini dei telefoni cellulari scattate dai residenti hanno mostrato l’aereo in fiamme già prima dello schianto. Un ampio dispiegamento di vigili del fuoco, ambulanze e polizia è inizialmente arrivato sull’area dell’incidente, ma i soccorritori sono andati via poco dopo ordinando a giornalisti e spettatori di andarsene immediatamente. Un vigile del fuoco ha detto all’emittente statale Ert che stavano aspettando le forze speciali e che due colleghi erano stati portati in ospedale con difficoltà respiratorie.