Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Missili sul zona residenziale a Kiev: bombardato un condominio, si scava tra le macerie

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Un condominio di nove piani a Kiev è stato colpito da un attacco missilistico nella mattinata di oggi. Lo ha detto Anton Herashchenko, consigliere del ministro degli interni ucraino, aggiungendo che un altro razzo ha colpito il terreno di un asilo nel distretto di Shevchenko. Sono in corso operazioni di soccorso e antincendio nel sito residenziale. Secondo il parlamentare ucraino Olexiy Honcharenko sarebbero 14 i razzi lanciati dalle truppe russe contro la città e l’area circostante. 

 

 

Per Klitschko ci sarebbero "persone sotto le macerie" mentre alcuni residenti sarebbero stati evacuati e due feriti sarebbero stati ricoverati in ospedale. I soccorritori del Servizio statale ucraino per le emergenze, intervenuti sul posto, hanno fatto sapere che ad essere colpito è stato un edificio residenziale di nove piani. La guerra continua ormai da 123 giorni. Ieri «45 missili russi nella notte e nella mattinata» hanno colpito il paese, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto discorso serale. «Non è solo la distruzione della nostra infrastruttura, è anche una pressione molto cinica e calcolata sulle emozioni del nostro popolo», ha evidenziato. Per Zelensky "nessun missile russo, nessun attacco può spezzare il morale degli ucraini. E ciascuno dei loro missili - ha aggiunto - è un argomento nei nostri negoziati con i partner". Poi il leader ucraino ha assicurato: "Tutte le nostre città, Severodonetsk, Donetsk, Luhansk, restituiremo tutto. Ogni settimana andiamo a Kherson. Melitopol, Berdyansk, Enerhodar e Mariupol non sono state mai dimenticate".

 

 

L’aumento degli attacchi missilistici russi su tutto il territorio della Ucraina, "compresi quelli odierni su Kiev" sono frutto di una strategia che mira a "tenere la popolazione con il fiato sospeso". Lo ha detto il portavoce della Guardia nazionale ucraina Ruslan Muzychuk. Lo riporta Unian. Un’altra motivazione sarebbe da ricercare nelle "decisioni politiche di successo riguardanti l’Ucraina che sono state prese nel corso della settimana" dall’occidente.