Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Guerra in Ucraina, gli aggiornamenti di oggi domenica 5 giugno: cosa succede | Diretta, foto e video

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Ore 20 - Colpito elicottero Alligator russo nel Donetsk

I paracadutisti di Sicheslav hanno abbattuto un elicottero russo Ka-52 Alligator. Lo rende noto la 25esima brigate Sicheslav aviotrasportata delle forze armate ucraine, che su Facebook ha scritto: "Concludiamo il fine settimana con buone notizie! Nella regione di Donetsk, i soldati della 25a brigata ancora una volta hanno riportato un successo, colpendo un elicottero d’attacco nemico Ka-52 Alligator. Non ci fermiamo, la stagione venatoria continua".

Ore 19,30 - Di Maio:"Italia ha aiutato 160mila persone"

"Abbiamo aiutato 160mila persone, in maggioranza donne e bambini che hanno visto il grande cuore degli italiani. Non era scontato". Lo ha detto Luigi Di Maio, ministro degli Esteri, a margine di una iniziativa ad Albanella, nel Cilento, in provincia di Salerno. "Sono orgoglioso di rappresentare italiani all’estero per quello che hanno fatto - ha affermato - Hanno dato prova di grande solidarietà e integrazione e non era scontato. In questo momento - ha concluso - c’è un Paese che è stato aggredito che è l’Ucraina e uno che ha aggredito che è la Russia. Gli italiani hanno deciso da che parte stare".

Ore 19 - Manca acqua potabile, situazione critica a Mariupol

La carenza di acqua potabile a Mariupol è ormai a un livello critico, secondo il consigliere del sindaco Petro Andrushenko che ha aggiunto che le persone devono registrarsi per ricevere acqua potabile e possono averla solo ogni due giorni. La maggior parte dei servizi di base, come elettricità, gas e condutture dell’acqua, in città devono ancora essere ripristinati dalle autorità locali sostenute dalla Russia. "La quantità d’acqua era già poca prima - ha detto ancora - ma ora è diminuita del tutto. È necessario registrarsi e mettersi in fila, mentre la temperatura è in aumento e l’acqua disponibile è in diminuzione". "L’acqua potabile viene fornita senza bollitura - ha spiegato - non può essere bevuta e non c’è modo di farla bollire, se non sul fuoco all’aperto. Di conseguenza, le persone la utilizzano così com’è. E questo rappresenta una minaccia assieme alle possibili epidemie dovute alla grande quantità di spazzatura e al numero di cadaveri sepolti in fosse poco profonde in tutta la città".

Ore 18,30 - Kiev: "Occidente deve fornire armi pesanti non una tantum"

Gli alleati occidentali "devono capire" che fornire armi pesanti all’Ucraina "non è un aiuto una tantum", ma deve essere continuato fino alla "vittoria". Lo ha dichiarato il viceministro della Difesa ucraino Hanna Maliar, aggiungendo che "le armi hanno già iniziato ad arrivare, ma non bastano per fermare l’esercito russo. Avremo sempre bisogno di sostegno, dato che siamo già entrati in una lunga guerra. I nostri combattenti sono davvero preparati - ha detto ancora Maliar - Ma la loro motivazione e addestramento non sono sufficienti per battere la Russia senza armi. Pertanto, diciamo apertamente che abbiamo bisogno dell’aiuto del mondo occidentale, soprattutto di armi. E prima di tutto parliamo di difesa aerea e armi pesanti". Il viceministro della Difesa si è poi soffermato su Severodonetsk, una situazione che ha definito "calda" e in continua evoluzione, "di conseguenza è difficile fornire aggiornamenti su quanta parte della città sia ancora sotto controllo dell’Ucraina. Nessuno può dirlo con certezza perché, durante i combattimenti, una parte della città potrebbe essere ora sotto il controllo delle truppe russe, ma in 30 minuti la situazione potrebbe cambiare radicalmente. L’unica cosa che possiamo dire con certezza è che le forze armate ucraine stanno resistendo con forza. Altrimenti la città sarebbe caduta".

Ore 18 - Erdogan: "Guerra sta provocando il panico in Europa"

La guerra tra Ucraina e Russia sta provocando "il panico" in Europa. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando al congresso dell’Akp. "Nel momento il cui il nostro Paese ha affrontato per undici anni con successo l’immigrazione illegale dalla Siria - ha affermato - stiamo osservando panico in Europa a causa della crisi russo- ucraina. Stiamo pregando perché il mondo esca velocemente da questo periodo difficile".

Ore 17 - Governatore Luhansk: "Possiamo liberare Severodonetsk ma non è strategica"

"Il comando militare deve prendere una decisione, perché è possibile cacciare i russi da Severodonetsk. Questo è il nostro compito. L’unica cosa è quale sarà il prossimo passo? Si ritireranno e distruggeranno tutto con l’artiglieria aerea". Lo ha detto Serhiy Haidai, capo dell’amministrazione statale regionale di Luhansk, in un’intervista al media ucraino Suspilne, nella quale ha spiegato di ritenere che l’esercito ucraino sia "in grado di liberare completamente Severodonetsk, ma strategicamente non è importante quanto Lysychansk che si trova ad altezza dominante". E tuttavia, ha aggiunto, Severodonetsk è un centro regionale "e liberarla solleverà il nostro morale e demoralizzerà i russi dopo che hanno affermato di averne il controllo completo".

Ore 16 - Kiev, distrutto centro aiuti umanitari Lysychansk

Il quartier generale degli aiuti umanitari a Lysychansk, nella regione orientale ucraina di Luhansk, dove si erano rifugiate oltre 40 persone, è stato completamente distrutto in un attacco russo. Lo ha annunciato il ministero dell'Interno ucraino, come riporta l'agenzia ucraina Unian. Non sono state fornite notizie di eventuali vittime.

Ore 15,30 - Mosca, abbattuto aereo ucraino che trasportava armi

Il ministero della Difesa russo, tramite il portavoce Igor Konashenkov ha reso noto che le forze armate di Mosca hanno "abbattuto un aereo da trasporto militare An-26 dell'aviazione ucraina che trasportava armi ed equipaggiamento militare nella regione di Odessa". Lo riporta Interfax.

Ore 15 - Kiev: "Presidente parlamento ungherese mostri il suo stato mentale"

Il ministero degli esteri ucraino "attende l'annuncio del presidente del parlamento ungherese Laszlo Kever sullo stato della sua salute mentale". E' il commento del portavoce del ministero degli Esteri di Kiev, Oleg Nikolenko, alle insinuazioni sulla "salute mentale" del presidente Volodymyr Zelensky giunte da Budapest. "In generale - sfortunatamente - i politici ungheresi continuano costantemente a gettare fango sull'Ucraina", il che non sorprende, poiché "storicamente, l'Ungheria si è più di una volta orientata dalla parte del male".

Ore 14,30 - Governatore Luhansk, Mosca vuole presa Severodonetsk entro 10 giugno

Le forze armate russe avrebbero ricecuto l'incarico di "catturare completamente" Severodonetsk "entro il 10 giugno" o di "tagliare" completamente l'autostrada Lysychansk-Bakhmut "e ottenerne il controllo". Lo ha spiegato il governatore ucraino della regione di Luhansk, Serhiy Haydai. Lo riporta la Cnn. Per questo - prosegue - "un'enorme quantità di forze viene utilizzata per svolgere questi due compiti".

Ore 14 - Presidente parlamento ungherese: "Zelensky ha problemi mentali"

Volodymyr Zelensky ha "un problema mentale personale". Ad esserne convinto è Laszlo Kover, presidente del parlamento ungherese e membro del partito Fidesz del premier Viktor Orban. "Di solito chi ha bisogno di aiuto lo chiede educatamente. Sono insistenti, ma non minacciano - ha spiegato - alla Tv ungherese. "Di solito si minacciano i nemici, non quelli che si vogliono avere come amici", ha aggiunto.

Ore 13,30 -  Kiev: "Stiamo gradualmente avanzando e liberando sud del Paese"

Le forze armate dell'Ucraina stanno "gradualmente" respingendo "le forze di occupazione della Federazione Russa e liberando il sud occupato del nostro paese". Lo scrive su Facebook Il Centro per le comunicazioni strategiche e la sicurezza delle informazioni di Kiev. Lo riporta Unian. "Passo dopo passo - riportiamo la terra natale sotto il controllo dell'Ucraina!", viene spiegato.

Ore 13 - Papa Francesco: "Non portate l'umanità alla rovina"

"L'incubo della guerra è la negazione del sogno di dio. Popoli che si scontrano, popoli che si uccidono. Gente che anziché avvicinarsi, viene allontanata dalle proprie case. È un'escalation sempre più pericolosa per tutti. Non portate l'umanità alla rovina per favore. Non portate l'umanità alla rovina". Lo ha detto Papa Francesco dopo la recita del 'Regina Caeli' nella domenica di Pentecoste.

Ore 12,30 - Famiglie combattenti Azovstal, Mosca migliori condizioni detenzione nostri parenti

Le famiglie dei combattenti dell'Azovstal chiedono che la Croce Rossa, le Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali influenzino la Russia per migliorare le condizioni di detenzione dei loro parenti attualmente in mano alle forze di Mosca. "Sappiamo che il centro di custodia cautelare è sovraffollato e, ovviamente, che alcune risorse potrebbero mancare. Ancora una volta, cibo, acqua: tutto deve essere migliorato", ha detto Kateryna, moglie del comandante Denis Prokopenko, in un'intervista a Ukrainian Truth

Ore 12 - Zelensky: "Insegneremo a Mosca l'inevitabilità della punizione"

"L'inevitabilità della punizione è un principio che l'Ucraina insegnerà sicuramente alla Russia. Ma prima di tutto, dobbiamo insegnarlo sul campo di battaglia che l'Ucraina non sarà conquistata, che il nostro popolo non si arrenderà e che i nostri figli non diventeranno proprietà degli occupanti". Lo ha scritto su telegram il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.

Ore 11,30 - Mosca, distrutti carri armati consegnati da Europa orientale a Kiev

Le forze aerospaziali russe con missili ad alta precisione hanno distrutto alla periferia di Kiev i carri armati T-72 e altri veicoli corazzati forniti dai paesi dell'Europa orientale. Lo ha annunciato il portavoce del Ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov. "Erano situati presso un'impresa di riparazioni automobilistiche", ha affermato.

Ore 11 - Putin: "Nuove armi a Kiev trascinano il conflitto"

"Tutto questo trambusto per ulteriori consegne di armi ha un solo obiettivo: trascinare il conflitto armato il più a lungo possibile". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in un'intervista a Rossiya-1. Lo riporta la Tass. Secondo il leader del Cremlino la fornitura di sistemi missilistici a lancio multiplo americani all'Ucraina sostanzialmente "non cambia nulla", dal momento che l'esercito ucraino "è armato con sistemi simili della produzione sovietica Grad, Smerch, Uragan". Se l'occidente consegnerà a Kiev missili a lungo raggio "ne trarremo le dovute conclusioni e useremo le nostre armi per colpire siti che non abbiamo ancora colpito".

Ore 10,30 - Missili anche su Kramatorsk

Missili su Kramatorsk nella regione di Donetsk. L'attacco, riferisce su telegram il sindaco Oleksandr Honcharenko, è avvenuto nella tarda serata di ieri. Sono state colpite due fabbriche e non si segnalano vittime.

Ore 10 - Kiev, attacco missilistico su capitale lanciato dal mar Caspio

L'attacco missilistico su Kiev è stato lanciato dal mar Caspio. Lo scrive su facebook il comando generale dell'aeronautica ucraina specificando che "un missile da crociera è stato abbattuto dalla contraerea". Lo riporta Unian.

Ore 09,45 - Governatore Luhansk, russi perdono terreno a Severodonetsk

Le truppe russe perdono terreno a Severodonetsk. Lo scrive su telegram Serhiy Haidai, governatore ucraino della regione di Luhansk. "I russi controllavano il 70% della città ma negli ultimi due giorni sono stati respinti e ora il territorio è praticamente diviso a metà", ha spiegato. Secondo Haidai "le vittime fra gli occupanti sono state considerevoli" e otto soldati russi sono stati fatti prigionieri.

 

 

Ore 09,30 - Consigliere Zelensky: "Attacco a Kiev mirava la ferrovia"

L'attacco missilistico lanciato dalle forze russe su Kiev "mirava alle infrastrutture ferroviarie". Lo ha annunciato Serhiy Leshchenko, consigliere del presidente Volodymyr Zelensky. Lo riporta Unian.

Ore 09,15 - Kiev, centrale nucleare sorvolata a bassa quota da missile russo

Kiev accusa Mosca di aver sfiorato l'incidente nucleare all'alba di oggi. "La Russia ha commesso un altro atto di terrorismo nucleare, alle 5.30 un missile da crociera russo ha volato a bassa quota sopra una centrale nucleare dell'Ucraina meridionale nella regione di Mykolaiv", ha fatto sapere Energoatom. Lo riporta Ukrainska Pravda. L'agenzia nucleare ucraina presume che il razzo stesse volando verso Kiev, dove attorno a quell'ora sono state udite varie esplosioni. I russi "ancora non capiscono che anche il più piccolo frammento di un missile su una centrale funzionante può causare una catastrofe nucleare e una perdita di radiazioni".

Ore 09 - Esplosioni a Kiev, un ferito

E' di un ferito il bilancio dell'attacco missilistico russo sui disretti di Darnytskyi e Dniprovskyi a Kiev. Lo rende noto su telegram il sindaco Vitaly Klitschko. L'uomo è stato trasportato in ospedale.

Ore 08,40 - Kiev: "Uccisi 31mila soldati russi"

Sono 31.150 i soldati russi uccisi dall'inizio del conflitto in Ucraina. Lo rendono noto le forze armate ucraine nel loro aggiornamento giornaliero sui social media.

Ore 08,30 - 262 bambini morti

262 bambini sono morti e 467 sono rimasti feriti dall'inizio del conflitto in Ucraina. Lo rende noto la procura generale di Kiev nel suo consueto aggiornamento su telegram

Ore 08,20 - 007 Kiev: russi frenati a Severodonetsk, pronti al contrattacco

Le forze armate ucraine non mollano la presa a Severodonetsk, città assediata dai russi. Secondo il think tank americano Institute for War Studies gli ucraini stanno rallentando le operazioni russe per accerchiare le posizioni dei soldati di Kiev nella regione di Luhansk e assaltare Severodonetsk attraverso "contrattacchi locali prudenti ed efficaci". Un'analisi confermata pure dall'intelligence britannica che parla di "contrattacchi" ucraini mettendo in luce come in questa zona i russi stiano schierando le truppe dell'autoproclamata repubblica di Luhansk che sono tendenzialmente "equipaggiate e addestrate in maniera scarsa".

Ore 08,10 - Ucraina: "Guerra potrebbe finire entro l'anno"

"E' difficile prevedere quando la guerra finirà, ma la mia proiezione ottimistica è che potrebbe finire entro la fine dell'anno". Lo ha detto Oleksii Reznikov, ministro della Difesa ucraino, parlando al forum Globsec-2022 a Bratislava. Lo riporta la Cnn. Reznikov ha affermato che le forze di difesa ucraine "hanno ancora bisogno di armi pesanti, artiglieria, carri armati, sistemi antinave, sistemi senza pilota, missili e difese aeree". "L'Ucraina ha cambiato filosofia nella fornitura di armi. Se nel primo mese di guerra ci siamo concentrati sull'ottenimento di sistemi portatili anticarro e antiaerei, ora la natura della guerra è cambiata e abbiamo bisogno di armi più pesanti", ha aggiunto.

Ore 08 - Zelensky: "Situazione a Severodonetsk estremamente difficile"

"La situazione a Severodonetsk, dove continuano i combattimenti di strada, rimane estremamente difficile. attacchi aerei, artiglieria, razzi". Lo ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel corso del suo discorso notturno su telegram.

Ore 07,45 - Kiev, da inizio guerra russi hanno lanciato oltre 2500 missili

Le truppe russe hanno nuovamente sparato sulle aree di confine della regione di Sumy, Mykolaiv, città e comunità della regione di Zaporizhia, regione di Kharkiv. La situazione a Severodonetsk, dove continuano i combattimenti di strada, rimane estremamente difficile. attacchi aerei, artiglieria, razzi. Ad oggi, il numero totale di vari missili russi usati contro l'Ucraina è 2503. I nostri eroi mantengono le loro posizioni e fanno di tutto per infliggere le massime perdite al nemico ". Lo ha detto l presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo discorso notturno su telegram.

Ore 07,30 - Zelensky: "Russia sta distruggendo la nostra cultura"

"La Russia sta deliberatamente distruggendo la cultura ucraina e il nostro patrimonio storico. Uno stato che fa questo non può essere membro dell'Unesco e rimanere all'Onu come se nulla fosse". Lo ha detto nel suo discorso notturno il presidente ucraino Volodymyr Zelensky parlando dell'attacco al monastero della Dormizione di Svyatogorsk.

Ore 07 - Espolsioni a Kiev

Diverse esplosioni si sono verificate a Kiev nei distretti di Darnytsky e Dniprovsky. Lo ha reso noto il sindaco della capitale ucraina Vitali Klitschko su telegram spiegando che i soccorritori "stanno già lavorando sul posto". In un secondo messaggio Klitschko ha spiegato che - al momento - non risultano esserci vittime mentre una persona è rimasta ferita.