Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mara Carfagna, messaggio a Salvini e Meloni: "Populismi in ritirata. Occorre una riflessione"

  • a
  • a
  • a

E' una vera e propria stoccata quella di Mara Carfagna, ministra per il Sud e la coesione territoriale della Repubblica Italiana. L'esponente di Forza Italia, in una lunga intervista rilasciata al Messaggero sottolinea che "i populismi sono in ritirata" e che "in questa fase storica i cittadini non vogliono salti nel buio". Secondo Carfagna quindi nel centrodestra una riflessione è ormai d’obbligo. Secondo gli osservatori della politica è un messaggio molto chiaro sia all'indirizzo di Matteo Salvini che di Giorgia Meloni, ma al tempo stesso anche un attacco al Movimento 5 Stelle.

Dichiarazioni rilasciate all’indomani del successo di Emmanuel Macron nella sua corsa bis all’Eliseo, e soprattutto della sconfitta di Marine Le Pen. La parlamentare e ministra ha fatto il punto sullo stato di salute della coalizione ed evidenziato la necessità di una attenta riflessione in vista non solo dei prossimi appuntamenti elettorali, ma della gestione dell'alleanza. 

"Credo che la vittoria di Macron - ha spiegato Mara Carfagna - sia legata più che a specifiche proposte, alla convinzione della maggioranza dei francesi che, dopo due anni di pandemia, con una guerra che mette a rischio la crescita europea, vada esclusa ogni avventura. In questa fase storica i cittadini cercano protezione più che salti nel buio. E comincia a farsi strada l’idea che un solido rapporto con l’Unione sia un valore aggiunto dei leader, non un handicap". Secondo la ministra, è terminata "la fase in cui i populismi antieuropei sembravano vincenti". "Ora sono in ritirata ovunque - spiega - L’alleanza di Visegrad si è spezzata. Marine Le Pen ha perso la sua terza elezione presidenziale". "Credo che una riflessione sia d’obbligo per chi vuole governare la prossima fase della politica italiana". Un messaggio chiaro, senza giri di parole, nella convinzione che l'alleanza europea stia diventando sempre più un punto di riferimento per tutti i cittadini.