Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La regina Elisabetta positiva al Covid. Buckingham Palace: "Sintomi leggeri"

  • a
  • a
  • a

La Regina Elisabetta è positiva al Covid. La notizia è stata ufficializzata da Buckingham Palace che ha spiegato che accusa sintomi leggeri e che continuerà ad assolvere i suoi doveri. Nei giorni scorsi, della famiglia reale del Regno Unito, si erano contagiati il principe Carlo e la moglie Camilla. Carlo era stato già positivo al Covid una prima volta. La regina, 95 anni, ha ricevuto le tre dosi contro il vaccino. Il primo ministro Boris Johnson, su Twitter: "Sono sicuro di parlare a nome di tutti augurando a Sua Maestà la Regina una pronta guarigione dal Covid e un rapido ritorno a una vibrante buona salute".

Intanto nel Regno Unito i dati della diffusione del Covid continuano a diminuire, nonostante un mese fa il governo guidato da Boris Johnson abbia revocato l'obbligo d'indossare le mascherine ovunque ed eliminato il già limitato green pass vaccinale. Va sottolineato che sull'isola è immunizzata ormai ben oltre il 90% dell'intera popolazione, tra vaccinati e guariti. I dati che sono stati ufficializzati nella giornata di oggi, indicano una riduzione dei nuovi contagi giornalieri a 25.696 (ai minimi dalla prima metà di settembre) su oltre 900.000 test, in discesa del 25% su base settimanale. Mentre i morti tornano sotto quota 100. Le vittime indicate nel bollettino sono 74, seppure alleggeriti da qualche parziale ritardo statistico relativo al weekend, con un meno 20% su base settimanale. 

Prosegue con andamento costante anche la diminuzione dei pazienti Covid ricoverati negli ospedali britannici. Sono il 15% in meno rispetto alla settimana precedente. In terapia intensiva circa 300 pazienti in tutto il Paese. Nel complesso al momento sono state inoculate 38 milioni di dosi booster dei vaccini. Coperti due inglesi su tre della popolazione ove 12. L'ennesima conferma dell'importanza della campagna vaccinale che al momento continua ad essere l'arma più efficace contro il Covid 19.