Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Principe Carlo, lo scandalo del miliardario saudita. Rischia di essere interrogato da Scotland Yard

  • a
  • a
  • a

La casa reale del Regno Unito non sembra trovare pace. Spuntano anche le indagini sull'ente di beneficenza che fa capo a Carlo, figlio della regina Elisabetta, principe di Galles, erede al trono. Scotland Yard, infatti, ha annunciato l'apertura di un'indagine sulla Prince's Foundation. E' coinvolto, seppur in maniera indiretta, nella vicenda Michael Fawcett che lo scorso anno si è dimesso dalla carica di amministratore delegato. Avrebbe agevolato la domanda di cittadinanza britannica del ricco saudita Mahfouz Marei Mubarak bin Mahfouz, nonché l'attribuzione di una onorificenza reale concessa nel 2016, in cambio di importanti donazioni di denaro. 

Viene dunque ipotizzata una specie di compravendita, tra decorazioni, intermediazioni, somme di denaro, favori, interessi. E' bene precisare che al momento il principe non è coinvolto, ma ovviamente le indagini sono molto scomode anche per lui e la sua immagine, visto che è considerato il punto di riferimento dell'ente benefico. Peter Hunt, ex royal correspondent della Bbc, spiega che Fawcett è stato per lunghi anni assistente personale e consigliere fra i più influenti del futuro re della Gran Bretagna. Carlo ora rischia di essere interrogato come testimone dai detective e non sarebbe certo simpatico per il principe di Galles

Rischia di diventare l'ennesimo scandalo nei confronti della famiglia reale che è già travolta da quello che ha coinvolto il principe Andrea. E' riuscito a evitare la causa negli Stati Uniti, minacciata da Virginia Giuffre, solo sborsando un importante somma di denaro. Giuffre sostiene che quando era ancora minorenne, fu messa a disposizione degli amici di Jeffrey Epstein, tra cui lo stesso principe. E' stato necessario un accordo per evitare il processo e stando ai bene informati la somma pattuita oscillerebbe tra i cinque e i dodici milioni di dollari. Ora il rischio che Carlo debba rispondere davanti agli agenti della vicenda di Mahfouz Marei Mubarak bin Mahfouz.