Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Usa, Biden annuncia l'uccisione del leader dello Stato islamico

  • a
  • a
  • a

Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi, leader del gruppo Stato islamico, è stato ucciso oggi. Ad annunciarlo è stato il presidente degli Stati Uniti d'America, Joe Biden. L’uomo sarebbe stato colpito a morte nel corso di un raid delle forze speciali americane nel nord-ovest della Siria. "Grazie alla capacità e al coraggio delle nostre forze armate abbiamo eliminato Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurayshi", si legge in un comunicato della Casa Bianca. Biden ha aggiunto che nell’operazione non ci sono state vittime americane. Stando agli attivisti e ai soccorritori della Syria Civil Defence, un’organizzazione nota anche come White Helmets, nel raid sono rimaste uccise 13 persone, tra le quali minori e donne. I commando americani sarebbero entrati in azione dopo la mezzanotte, nella città di Atmeh, presso il confine con la Turchia. Il blitz avrebbe preso di mira in particolare un’abitazione. 

 

 

Un funzionario di alto livello dell’Amministrazione Usa ha riferito al New York Times che al-Quraishi è rimasto ucciso all’inizio dell’operazione, quando ha fatto esplodere una bomba che ha ucciso lui e membri della sua famiglia, compresi donne e bambini.

 

 

Ma chi era Abu Ibrahim al-Hashimi al-Qurashi? Il leader jihadista era stato scelto dal Consiglio della Shura dello Stato islamico (Isis) come suo nuovo leader il 31 ottobre del 2019, dopo la morte di Abu Bakr al-Baghdadi. Anche lui è stato ucciso in un raid Usa nel nord della Siria. Secondo un portavoce dell’Isis, al-Qurashi era un veterano del jihad, che aveva combattuto contro "la protettrice della croce", ovvero l’America, e che era un "conoscitore delle sue guerre e consapevole della sua astuzia". Il terrorista era nato nell’ottobre del 1976 a Tal Afar, in Iraq, e aveva studiato all’Università di Mosul. Quando l’Isis aveva annunciato la sua nomina dopo l’uccisione di al-Baghdadi, non si era fatta attendere la risposta americana. "Smantelleremo il gruppo chiunque sia il suo leader", aveva detto il coordinatore antiterrorismo del dipartimento di Stato americano, Nathan Sales, assicurando che gli Stati Uniti daranno la caccia "in modo inesorabile" anche al nuovo capo dell’Isis. Oggi dunque - giovedì 3 febbraio - la morte. Biden dovrebbe parlare alla nazione alle 9,30 locali, le 15,30 italiane.