Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Francia, mascherine obbligatorie anche per i bambini dai sei anni in su

  • a
  • a
  • a

La Francia è travolta dalla diffusione del Covid e cerca di arginare la pandemia con nuove restrizioni. Indossare le mascherine sarà obbligatorio in vari luoghi pubblici a partire dalla giornata di lunedì 3 gennaio. Il provvedimento vale per tutti i cittadini che hanno più di sei anni d'età, secondo un decreto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale e ripreso dai media francesi. La restrizione riguarda in particolare i luoghi aperti al pubblico, i trasporti pubblici, i campi sportivi, le biblioteche, i mercati coperti, i luoghi di culto. L'obbligo fino a ora riguardava le persone dagli undici anni in su, si applicherà anche in trasporti pubblici, battelli, aerei e veicoli (compresi taxi), nonché nelle stazioni ferroviarie, stazioni di trasporto pubblico e aeroporti, specifica il decreto. All'esterno, chi ha più di sei anni dovrà indossare la mascherina in tutti i dipartimenti interessati dall'obbligo. La speranza è che il provvedimento aiuti a limitare la diffusione del virus. 

 Intanto sette giocatori del Monaco sono risultati positivi al Covid alla vigilia della partita di Coppa di Francia contro il Quevilly-Rouen, squadra di seconda divisione. La gara si dovrebbe giocare regolarmente nella giornata di domani, domenica due gennaio. Il Monaco riferisce che nessuno dei sette giocatori mostra segnali preoccupanti e sono tutti già isolati. Ci sono altre 12 partite di Coppa di Francia in programma con il detentore del titolo Paris Saint Germain in impegnato lunedì sera contro il Vannes, squadra di terza divisione.

Restando alla Francia, sono state 874 le auto incendiate e 441 le persone fermate dalle autorità durante la notte di Capodanno. Lo ha fatto sapere in una nota ripresa dai media il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin, dicendosi felice della "diminuzione delle violenze grazie all'impegno delle forze dell'ordine". Il numero dei veicoli incendiati "è in calo rispetto agli anni scorsi, così come i fermi", ha dichiarato, sottolineando che nel 2019 i mezzi bruciati erano stati 1.316.