Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cina, ecco cosa accade a chi non rispetta le norme anti Covid: gogna pubblica e cartello con nome | Video

  • a
  • a
  • a

Viene alla mente Il Marchese Del Grillo con la celebre gogna pubblica per Aronne Piperno, l'ebanista del personaggio interpretato da Alberto Sordi. Ma stavolta c'è poco da ridere. Quattro persone sono state messe alla gogna in Cina per aver infranto le regole sul Covid. La psicosi per la pandemia nel Paese ha raggiunto livelli così alti che si ricorre a delle punizioni esemplari in caso di violazione delle rigide norme imposte dal governo.

 

Video Gogna dalla Cina

 

I cinesi in questione sono stati costretti a sfilare in pubblico, in fila indiana, indossando un cartello con su scritto il loro nome. A corredo pure una loro foto. L'accusa? Secondo alcuni giornali, i detenuti avrebbero fatto entrare diverse persone nel Paese, ancora “blindato” a causa del Covid 19. Un'azione considerata illegale. Il video degli agenti che scortano gli accusati, fatti vestire con tute per il rischio biologico, è già diventato virale ovunque, scatenando non poche polemiche.

 

 

Stando alla Bbc, la gogna sarebbe andata in scena martedì 28 dicembre nella città di Jingxi, nella provincia di Guangxi. Per il giornale locale, il Guangxi Daily, non ci sarebbe nulla di sbagliato: il provvedimento sarebbe in linea con le norme di prevenzione dettate dal Covid. Diversa la posizione di Beijing News, secondo cui la gogna “viola seriamente lo spirito della legge e non può essere ammessa”. Anche l'opinione pubblica si è divisa sulla questione: da una parte c'è chi ha parlato di “ritorno a un passato di centinaia di anni fa”, dall'altra invece c'è chi si è detto d'accordo con la punizione e i metodi usati dal governo di Pechino. Chissà cosa succederebbe se questo avvenisse in Italia.