Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Germania il lockdown per no-vax funziona: contagi giù. In Gran Bretagna uno su dieci è positivo

  • a
  • a
  • a

Mentre Omicron dilaga in Europa e nel resto del mondo c'è un dato che risulta essere un'autentica eccezione tra i Paesi Ue: in Germania infatti si registra un calo dei contagi dopo settimane complicate. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 10.100 casi di Covid (e 88 decessi), quando a inizio dicembre si era raggiunto un picco di 74mila casi. Netta la decrescita dell'incidenza settimanale arrivata a 220,7 quando aveva toccato anche quota 315,4. A incidere è stata la scelta fatta dalla Germania il 2 dicembre scorso, quando la cancelliera Angela Merkel, a un passo dall’addio, ha deciso il lockdown dei non vaccinati per contrastare il rialzo dei contagi. La Merkel ha introdotto restrizioni in base alla regola del «2G»: gli spazi pubblici consentiti solo a chi è vaccinato o guarito dal Covid. Ai non vaccinati è stato proibito l’ingresso in negozi, eventi culturali e luoghi del tempo libero come cinema, ristoranti e teatri. Chi non è immunizzato può solo fare la spesa o andare in farmacia. Provvedimento simile lo ha adottato l'Austria e con esiti interessanti anche in questo caso: i positivi registrati a Natale sono 1.717 mentre un mese e mezzo fa sfioravano quota 15mila. 

 

 

Grave la situazione in Francia: superata quota 100mila contagi in 24 ore. Con 104.611 nuovi casi da ieri, in Francia è stata raggiunta una soglia mai toccata dall'inizio dell'epidemia. Secondo i dati dell'agenzia sanitaria pubblica, il 4 dicembre scorso i casi erano stati 50mila, quindi la cifra dei contagi giornalieri è raddoppiata in tre settimane.

 

 

Situazione complicatissima in Gran Bretagna: in questo momento positive al Covid ci sono 1,5 milioni di persone. In Galles, un cittadino su 45, ovvero 70.000 persone, in Irlanda del Nord 45.000, in Scozia 79.000. Il primato spetta a Londra, dove una persona su 10 ha il Covid. I dati sono stati pubblicati il 24 dicembre e — come detto — si riferiscono alla settimana dal 13 al 19 dicembre. Oggi la realtà potrebbe essere cambiata ulteriormente: le proiezioni parlano infatti di 2 milioni di positivi nel giorno di Natale.