Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Halloween di sangue a Tokyo: vestito da Joker accoltella 15 persone in metro

  • a
  • a
  • a

"Pensavo fosse una trovata di Halloween - ha riferito a un quotidiano nipponico un testimone - ma poi ho visto un uomo che camminava verso di noi, agitando lentamente un lungo coltello sporco di sangue". Si macchia di sangue la tenebrosa festa di fine ottobre. Siamo a Tokyo, capitale del Sol Levante. Nella ordinata e affolatissima metro giapponese, un uomo vestito da Joker estrae una lama ed inizia a menare fendenti contro chiunque gli si pari davanti. Uno psicopatico, con ogni probabilità. Ma siamo al secondo avvenimento simile in un breve arco di tempo e il timore è che si tratti di un trend tale da istigare altri emulatori. Andiamo con ordine. 

 

La polizia giapponese ha arrestato un uomo che ha ferito a coltellate almeno 15 persone su un treno a Tokyo, dove ha anche appiccato il fuoco. Lo hanno fatto sapere la polizia e l’emittente locale Nhk. La rete televisiva ha anche aggiunto che un uomo è rimasto ferito gravemente. L’assalitore, un giovane di circa 20 anni, è stato arrestato sul luogo dell’attacco, avvenuto nella stazione di Keio vicino alla stazione Kokuryo. La motivazione non è ancora nota. Le immagini televisive hanno mostrato i soccorritori sul posto, mentre alcuni passeggeri fuggivano dai finestrini dei vagoni del treno. Si tratta del secondo accoltellamento su un treno di Tokyo in due mesi. Il precedente, ad agosto, il giorno prima della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Tokyo, un 36enne ha accoltellato 10 passeggeri su un treno pendolari, dicendo poi alla polizia di aver voluto attaccare le donne che gli sembravano felici.  

 

 

Ed è salito ad almeno 15 feriti il bilancio dell’attacco con il coltello avvenuto oggi su un treno della metropolitana di Tokyo. Dopo aver ferito i passeggeri, il folle ha appiccato un incendio, dando fuoco ai sedili del treno. Le fiamme si sono propagate in almeno tre vagoni, riportano ancora i media locali che confermano anche che uno dei feriti, un uomo, versa in condizioni gravi.