Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Cassiere di 20 anni chiede di indossare la mascherina, il cliente gli spara e lo uccide: "Colpa dello stress"

  • a
  • a
  • a

Una storia raccapricciante, una pagina di orrore ai tempi del Covid. La storia terribile arriva dalla Germania, per l'esattezza a Idar-Oberstein, nel Land della Renania-Palatinato. A una stazione di servizio, il cassiere di 20 anni ha ripreso un cliente, chiedendogli di indossare la mascherina, così come previsto al chiuso.

 

 

A questo punto l'uomo ha dato in escandescenze, dando vita a un piano criminoso: è tornato a casa sua, ha preso un fucile, dunque si è nuovamente recato alla stazione di benzina e ha ucciso il ragazzo. L'omicida è un 49enne, il fatto risale a sabato 18 settembre. Il killer si era presentato in cassa con una confezione di sei birre. Ma il cassiere si è però rifiutato di servirlo perché non portava la mascherina.

 

 

A quel punto l'uomo se ne è andato, per tornare un'ora dopo, questa volta con la mascherina, che però ha sfilato al momento di pagamento. Così il 20enne gli ha nuovamente chiesto di indossare il dispositivo anti Covid e il criminale, per tutta risposta, gli ha sparato e lo ha ucciso. L'omicida è stato poi arrestato nella mattinata di domenica 19 settembre. Una volta preso in consegna, l'uomo ha confessato l'omicidio, "giustificandosi" spiegando di essere molto stressato per la pandemia. E ancora, ha detto di sentirsi all'angolo e di dover dare un segnale. Un gesto letteralmente folle, che merita di essere punito severamente.