Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Russia, sparatoria all'università di Perm: gli studenti fuggono dalle finestre, "morti e feriti"

  • a
  • a
  • a

Sparatoria all’università di Perm, in Russia. Una persona ha aperto il fuoco all’interno dell’ateneo. Un video mostra l'ingresso nel campus del probabile assassino, armato di un fucile automatico. Sono almeno 8 i morti mentre il ministero della Sanità russo ha riferito che "più di dieci persone sono rimaste ferite nella sparatoria all’università di Perm". 

 

https://publish.twitter.com/?query=https%3A%2F%2Ftwitter.com%2FIlkhaAgency%2Fstatus%2F1439857480763420675&widget=Tweet



Nell'ateneo la situazione è di assoluto panico. Alcuni studenti e docenti sarebbero ancora chiusi nelle stanze dell'ateneo, altri sono fuggiti lanciandosi dalle finestre del primo piano. Le autorità hanno prima confermato l’arresto dello sparatore, poi hanno hanno comunicato di averlo "neutralizzato". L’assalitore del campus di Perm sarebbe stato identificato - rende noto il canale Telegram Bazn considerato vicino alle agenzie di sicurezza- come Timur Bekmansurov 18 anni, iscritto al primo anno di giurisprudenza. Bekmansurov, secondo il sito di notizie di Perm, 59.ru, avrebbe lasciato un post su Facebook prima di entrare in azione in cui anticipava l’attacco e le motivazioni. "Non è stato un attentato terroristico. Non sono membro di organizzazioni estremiste. Nessuno sapeva quello che avrei fatto. Ho organizzato tutto da solo", è il testo del post. Bekmamsurov parla di se come di una persona "sopraffatta dall’odio". Avrebbe inoltre pianificato l’attacco da tempo.