Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Talebani: "Donne non possono fare i ministri, devono fare figli". Boldrini: "Oscurantisti, fanatici e misogini"

  • a
  • a
  • a


E' stato più volte detto dai leader occidentali, dopo la precipitosa fuga dall'Afghanistan, che il neonato regime talebano sarebbe stato giudicato "dai fatti" su ogni partita importante per cui l'opinione pubblica nutre preoccupazione, dai diritti fondamentali in generale a quelli specificamente riguardanti la condizione femminile. All'indomani della formazione del governo talebano, che ha privilegiato la 'vecchia guardia' dell'Emirato e ha escluso da ruoli di vertice qualsiasi donna, arriva la prova lampante che i fatti sono ben diversi dalle parole al miele (inclusività, moderazione) che i talebani 2,0 avevano sbandierato in mondovisione. 

 

 

"Una donna non può fare il ministro. È come se le mettessi al collo un peso che non può portare. Non è necessario che le donne facciano parte del governo, devono fare figli". Così il portavoce talebano Sayed Zekrullah Hashim, a Tolo News, rispondendo a una domanda sul nuovo esecutivo afghano ad interim, nel quale non sono presenti donne. "Le quattro donne che protestano nelle strade non rappresentano le donne dell’ Afghanistan. Le donne dell’ Afghanistan sono quelle che danno figli al nostro popolo e che li educano secondo i valori dell’Islam", ha aggiunto.

 

 

"Tutti i regimi fondamentalisti, quindi anche quello dei Talebani, si accaniscono soprattutto contro corpo e libertà delle donne, le stesse che in queste settimane stanno manifestando nelle strade e nelle piazze, dando prova di immenso coraggio. Quindi anche le procedure di evacuazione e accoglienza devono avere un’attenzione di genere" lo ha detto la parlamentare dem Laura Boldrini. "Non ci sono dubbi infatti sulla natura oscurantista del regime talebano, composto da fanatici misogini e esponenti del terrorismo internazionale". L'impegno dell'Ue dunque deve essere quello, secondo la parlamentare, di accogliere quante più persone possibile, per evitare che il Paese "diventi una prigione a cielo aperto".