Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Afghanistan, Biden difende il ritiro da Kabul: "Decisione saggia per salvare le vite degli americani"

  • a
  • a
  • a

"Mi prendo tutte le responsabilità". Così il presidente Usa Joe Biden è tornato a parlare alla nazione dopo il ritiro delle truppe Usa dall’Afghanistan per difendere le sue decisioni. Dopo essere stato attaccato per l’evacuazione frettolosa e disordinata di civili e militari e la morte di 13 soldati nell’attacco terroristico all’aeroporto di Kabul, Biden ha ribadito che quella del ritiro è stata la decisione più saggia per l’America e che era ora di porre fine alla guerra più lunga per il Paese. La data del 31 agosto, fissata come fine della missione, non è stata arbitraria ma "è stata decisa per salvare le vite degli americani", ha assicurato Biden. Ad ora restano tra i 100 e i 200 cittadini americani nel Paese per i quali, ha detto il democratico, non c’è scadenza per l’espatrio.

 

 

Biden ha quindi proseguito: "Siamo impegnati a far uscire chi lo vorrà", ha assicurato il presidente. Biden ha poi sottolineato che prolungare una guerra che è costata vite e 300 milioni di dollari al giorno, non è più nell’interesse nazionale, ora che le maggiori sfide vengono dalla competizione con la Cina e la Russia. Ma, ha detto il presidente, gli Usa possono continuare ad affrontare queste sfide anche continuando la lotta al terrorismo. "Non abbiamo ancora finito con voi", ha detto rivolgendosi all’Isis-k, l’affiliata dello Stato islamico attiva nell’Asia meridionale, artefice dell’attentato all’aeroporto di Kabul.

 

 

Intanto dopo che gli Usa hanno lasciato Kabul, i talebani hanno attraversato l’aeroporto internazionale della capitale afghana celebrando la vittoria contro gli Stati Uniti. I talebani hanno celebrato per le strade dell’aeroporto di Kabul quella che hanno definito come la "sconfitta degli Usa". "Gli americani se ne sono andati", gli ha fatto eco Mohammad Islam, una guardia talebana all’aeroporto della provincia di Logar con in mano un fucile Kalashnikov, "ora il nostro Paese è libero. E' chiaro cosa vogliamo. Vogliamo la sharia la pace e la stabilità", ha aggiunto.