Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Afghanistan, ancora caos in aeroporto a Kabul: ingressi principali ceduti dagli Stati Uniti ai talebani

  • a
  • a
  • a

Dopo l'attentato di giovedì scorso, arrivano novità in merito alla gestione dell'aeroporto di Kabul, in Afghanistan. Gli Stati Uniti e le forze della coalizione hanno infatti ceduto ai Talebani il controllo di tre porte, compreso l’ingresso alla sezione militare, dell’aeroporto di Kabul: Lo ha riferito ai media locali un funzionario talebano. "Gli Stati Uniti e le truppe hanno il controllo di una piccola parte dell’aeroporto, compresa un’area in cui si trova il sistema radar dell’aeroporto", ha detto Enhamullah Samangani a Tolo News TV. "Siamo pronti ad assumerci la sicurezza e la responsabilità tecnica dell’aeroporto", ha aggiunto.

 

 

La cessione è avvenuta appunto dopo l’attentato di giovedì scorso rivendicato dall’Isis-K, un’affiliata locale dello Stato Islamico, che ha ucciso 170 afgani e 13 soldati statunitensi. In precedenza un funzionario talebano avrebbe affermato che le forze speciali talebane e un team di professionisti tecnici e ingegneri qualificati erano pronti a farsi carico di tutte le spese di gestione dell’aeroporto dopo la partenza delle forze statunitensi.  

 

 

Intanto sulla questione Afghanistan è intervenuta Emma Bonino: "I leader occidentali si sbracciano e annunciano sostegno ai diritti delle donne afghane, ma sono pie intenzioni, perché l’Afghanistan è nel caos, affidato a un movimento fondamentalista sunnita con forti elementi di misoginia. E noi giriamo a vuoto"; ha dichiarato l'ex ministro degli Esteri ed ex commissaria Ue, non nascondendo un certo pessimismo. "Non vedo niente di buono - ha aggiunto la leader dei Radicali italiani - l’unica idea importante che vedo è la proposta del premier Mario Draghi di un G20 straordinario, ma non sarà facile". Quanto agli attentati terroristici all’aeroporto di Kabul, la Bonino parla di "colossale fallimento della intelligence, Usa e Nato in primis. Come è possibile che ci fossero cellule armate e organizzate dell’Isis su un territorio controllato militarmente da truppe alleate? Nessuno ha visto crearsi l’Isis-K?", le sue parole.