Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Johnson & Johnson, nello shampoo la sostanza devastante. Gli effetti: dalla caduta dei capelli al cancro

  • a
  • a
  • a

Johnson & Johnson nel mirino dei consumatori negli Stati Uniti. Una class action infatti è stata avviata contro la casa farmaceutica, accusata da un nutrito gruppo di consumatori di utilizzare un conservante che provoca la caduta dei capelli. Si tratta del Dmdm hydantoin, usato in piccole quantità per prevenire la proliferazione di batteri e funghi: è contenuto in diversi shampoo, balsami e oli per la cura dei capelli Ogx, prodotti appunto tutti da Johnson & Johnson.

 

 

Già nel 2012 la stessa azienda aveva annunciato l’intenzione di rimuovere la sostanza (appunto, il Dmdm hydantoin) dai suoi prodotti entro il 2015, ma non ha rispettato quanto dichiarato, dato che ancora la utilizza in alcuni prodotti. Da qui le proteste dei consumatori, che sono molto preoccupati per il funzionamento del Dmdm hydantoin: l’esposizione eccessiva a questa sostanza può provocare eruzioni cutanee, irritazioni oculari, allergie e altri disturbi o malattie, incluso il cancro. Insomma, non solo la caduta dei capelli, un effetto che stando a queste ultime conseguenze è quasi il meno pesante.

 

 

Nella class action portata avanti da un gruppo di consumatori americani si sostiene infatti che "Johnson & Johnson ha fatto una serie di false dichiarazioni sul fatto che i suoi prodotti nutrano in profondità, detergano delicatamente e riparino i capelli. Tuttavia, la formula dei prodotti contiene un ingrediente, o una combinazione di ingredienti - si legge nella protesta -, che hanno causato a migliaia di consumatori la caduta dei capelli e/o l’irritazione del cuoio capelluto”.