Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

New York: dopo dimissioni di Andrew Cuomo al suo posto la vice Hochul, prima donna al governo dello Stato

  • a
  • a
  • a

"Lavorerò per i newyorkesi, per trovare soluzioni, sostenere le persone, incontrarle. Tra tredici giorni diventerò ufficialmente il 57 governatore dello Stato di New York. Ma il lavoro è già cominciato. Visiterò tutto lo Stato per rassicurare i newyorkesi che mi occuperò di loro. Combatterò con tutta me stessa per voi, ogni singolo giorno". Così Kathy Hochul, 62 anni, ex vice governatrice di Andrew Cuomo, che ne prenderà il posto dopo le sue dimissioni da governatore, sotto la spinta delle accuse di molestie sessuali mosse nei suoi confronti. Hochul sarà il primo governatore donna nella storia di New York. "Sono pronta per questo compito", ha aggiunto senza però voler commentare, per ora, lo scandalo che ha travolto Cuomo.

 

 

 

 

"Non vedo l’ora di lavorare con lei per continuare a tenere la pandemia sotto controllo e riportare le persone a lavoro". Così la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, in conferenza stampa riferendosi a Kathy Hochul. La vice governatrice di New York, dunque, si è detta "pronta" a guidare lo Stato, dopo le dimissioni di Andrew Cuomo annunciate nella giornata di ieri. Lo ha affermato, con un post su Twitter. "Come persona che ha servito il governo a tutti i livelli e prima nella linea di successione, sono pronta a guidare lo Stato di New York come 57esima governatore". Avvocatessa, 62 anni, sposata, due figli, la vice assumerà l’incarico tra due settimane, quando le dimissioni di Cuomo diventeranno effettive. 

 

 

 

Non è certo un buon momento per Andrew Cuomo, che tentando di giustificare culturalmente i propri comportamenti inappropriati ora si è anche inimicato la comunità italo-americana. Il riferimento all'Italian style a cui si è aggrappato l’ormai ex governatore di New York per giustificare abbracci, battute a doppio senso e baci alle donne che lo hanno denunciato per molestie, non è piaciuto alla sua comunità di provenienza. La frase, pronunciata in tv nei giorni scorsi, "non sono un depravato, ma un italiano", ha scatenato reazioni furibonde sui social.