Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A 11 anni per beneficenza dorme in tenda per 500 notti di fila e ottiene 750.000 euro: chi è Max Woosley

  • a
  • a
  • a

Una iniziativa nata quasi per gioco ma che ora ha raccolto centinaia di migliaia di euro per beneficenza. La storia è quella di Max Woosey, ha 11 anni, di Braunton (nell'inglese Devon), che nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 agosto dormirà per la sua 500esima notte consecutiva in una tenda da campeggio. Tenda tuttavia allestita non in un bosco sperduto, ma proprio nel giardino di casa. Tutto è nato da un nobile motivo, vale a dire quello di raccogliere fondi per una casa di cura locale per malati terminali.

 

 

Uno di questi era un suo vicino di casa, Rick Abbott, che grazie all'assistenza dell'istituto, a inizio 2020 ha potuto morire in casa da solo, ha riportato il Guardian. Prima di spirare, però, ha donato la sua tenda da campeggio al ragazzino Max, dicendogli: "Vai a divertirti". Poi però è arrivato il lockdown a causa del Covid e la casa di cura che aveva assistito il signor Abbott si è ritrovata in difficoltà finanziarie.

 

 

Da qui l'iniziativa di Max, il quale ha deciso di lanciare un crowdfunding online con l'obiettivo di raccogliere risorse per l'istituto, annunciando su Internet che in cambio delle donazioni avrebbe dormito in tenda nei giorni successivi: "Pensavo di racimolare cento sterline o poco più", ha rivelato nelle settimane scorse. Invece, un po' come capitò alla incredibile campagna del capitano Tom, il suo crowdfunding è cresciuto sempre di più, Max ha ricevuto infatti continue lodi dai suoi fan crescenti e così è rimasto a dormire da allora in tenda, in qualsiasi condizione meteo.

 

 

Martedì 10 agosto arriva appunto alla 500esima notte consecutiva, raggiungendo la clamorosa cifra di 640mila sterline, quasi 750mila euro, e di recente è stato invitato anche da Boris Johnson a Downing Street. "E' straordinario - ha affermato il ragazzino sempre al Guardian - non pensavo dovessi dormire così tanto in tenda. Ma oramai lo adoro". E soprattutto per una buona causa.