Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sigurdsson, prima delle accuse di pedofilia la morte a 11 anni del cognato Maximilian

  • a
  • a
  • a

Gylfi Sigurdsson è nella bufera dopo l'arresto con l'accusa pesantissima di pedofilia. Il giocatore dell'Everton è stato sospeso dal club e anche la moglie del Nazionale islandese, l'ex Miss Islanda Alexandra Ivarsdottir, avrebbe lasciato la casa coniugale. Non è certo un periodo facile per Sigurdsson, tutt'altro. Nel settembre 2020 la famiglia aveva subìto una terribile tragedia. Il giovanissimo cognato del calciatore, Maximilian Helgi Ivarsson, è morto per le conseguenze di un colpo esploso dal fucile con cui era entrato accidentalmente in contatto nella sua abitazione.

 

 

Il bambino che ha trovato l'arma in un armadio chiuso a chiave, ha cliccato incautamente il grilletto e ha perso così la vita. Si trattava del fratellastro minore della moglie Alexandra, Maximilian era rimasto vittima di un terribile incidente mentre stava giocando nella sua abitazione. Secondo quanto riportato dalla stampa inglese, l'undicenne avrebbe trovato in un armadio chiuso inizialmente a chiave un fucile. Dall'arma è partito accidentalmente un colpo che non ha lasciato scampo al piccolo per il quale non c'è stato nulla da fare. Una tragedia che ha lasciato sotto shock Alexandra Ívarsdóttir, sorellastra del bambino e suo marito Gylfi Sigurdsson, che erano legatissimi al piccolo Maximilian. 

 

 

Nel necrologio del ragazzino, pubblicato dai media islandesi e britannici, si legge di quanto fosse "cosciente, laborioso e brillante", con una grande passione per lo sport e in particolare per il karate. La famiglia Sigurdsson ha speso parole commoventi per lo sfortunato Maximilian: "Era il nostro bellissimo fratellino con grandi occhi gentili. La prima parola che ci viene in mente è gratitudine, per essere stato con noi in questo breve periodo e averci fatto godere della tua meravigliosa presenza". Ora per Sigurdsson un'altra tragedia, ma di altro tenore. Stavolta le accuse di pedofilia lo hanno lasciato praticamente da solo, abbandonato anche dalla sua famiglia.