Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Johnson era contrario alle restrizioni: "Tanto muoiono solo gli ottantenni"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Nuove rivelazioni su Boris Johnson e sulla gestione della pandemia da Covid da parte del premier britannico. L’ex spin doctor di Downing Street Dominic Cummings è tornato infatti alla carica con nuove rivelazioni. Il Premier, ha reso noto Cummings in una intervista alla Bbc, era riluttante a rafforzare le misure anti Covid lo scorso autunno, all’inizio della seconda ondata epidemica, perché riteneva che le persone che morivano erano "essenzialmente avevano più di 80 anni".

 

 

"Non mi fido più di tutta questa roba esagerata dell’Nhs", gli aveva poi scritto in un messaggio. Il Covid avrebbe dovuto essere lasciato "scorrere nel Paese" piuttosto che consentirgli di distruggere l’economia. Johnson avrebbe anche proseguito i suoi incontri con la Regina, malgrado l’elevato rischio che avrebbero posto questi incontri per la sovrana ancora non vaccinata. Il premier britannico, Boris Johnson, è ora in isolamento dopo essere stato a contatto con il ministro della salute, risultato poi positivo al Covid.

 

 

Dopo l’alzata di scudi di proteste e critiche, Boris Johnson è stato costretto a fare retromarcia senza aggirare la quarantena nonostante abbia avuto contatti con il ministro della Sanità, Sajid Javid. Un portavoce ha detto che Johnson farà la quarantena a Chequers, la residenza in campagna del premier britannico, perché è stato lì che ha ricevuto la notifica del contatto con un positivo al virus. "Non parteciperà al progetto pilota" ha aggiunto ancora il portavoce, riferendosi a quanto annunciato il precedenza, cioè che il premier ed il ministro avrebbero continuato a svolgere la loro attività normale sottoponendosi quotidianamente al test. Insomma, per Johnson non certo il miglior momento di popolarità. Anche la mancata vittoria dell'Europeo da parte dell'Inghilterra, con la sua costante partecipazione alle partite di Wembley, si è rivelato un colpo abbastanza importante. In questo caso però la "colpa" è stata di Mancini e della Nazionale italiana.