Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Haiti, quattro uccisi e due arrestati: sono gli assassini del presidente Moïse

  • a
  • a
  • a

La polizia di Haiti ha arrestato due degli assassini del presidente Jovenel Moise, ucciso ieri nella sua abitazione di Porte au Prince, mentre altri quattro sospetti sono stati uccisi in uno scontro a fuoco con gli agenti. Il capo della polizia Leon Charles ha parlato di "mercenari" responsabili dell’uccisione di Moise e spiegato che è ancora in corso "lo scontro" tra le forze della sicurezza e gli aggressori che "verranno catturati o uccisi". L’operazione è stata sferrata nel quartiere Pelerin, la zona collinare che sovrasta la capitale Port-au-Prince, nei dintorni della residenza di Moise. Il ministro della Cultura e comunicazione, Pradel Henriquez, ha assicurato che la polizia porterà avanti le operazioni nel corso dell’intera nottata e invitato i residenti, in forza del coprifuoco disposto poche ore dopo l’omicidio, a non uscire di casa. "Lo stato d’assedio comporta anche un coprifuoco. Se non esercitate un mestiere che vi obbliga a uscire la notte, restate in casa", ha detto.

 

Intanto la first lady di Haiti Martine Moise, ferita gravemente nell’agguato che ha ucciso il marito, il presidente Jovenel Moise, è stata trasferita in aereo da Port au Prince a Miami, in Florida. Ora è ricoverata nel Jackson Memorial Hospital. Secondo l’emittente televisiva Local 10 le condizioni di Martine Moise sono "critiche, ma stabili". La first lady è rimasta ferita dopo l’attentato alla residenza della coppia presidenziale, nella notte di ieri, ad opera di un gruppo di mercenari pesantemente armati, che è costato la vita al presidente Jovenel Moise. La first lady haitiana è arrivata all’aeroporto di Fort Lauderdale, a nord di Miami, a bordo di un volo della Trinity Air Ambulance, ed è stata poi trasferita in ospedale per le cure.

Intanto il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite terrà - oggi - una riunione d’emergenza ad Haiti dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moïse da parte di un commando armato. È quanto si apprende da fonti diplomatiche, secondo quanto riporta il sito Ouest-France. Questo incontro, richiesto dagli Stati Uniti e dal Messico, si terrà a porte chiuse a metà giornata.