Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Miami, le ipotesi sul crollo del condominio: il mare avrebbe scavato e indebolito le fondamenta

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Si fa largo un'ipotesi tutt'altro che remota alla base del crollo del condominio che si è verificata a Miami. L’ipotesi che sta prendendo piede e’ quella che il mare abbia scavato ed indebolito le fondamenta. Mentre continuano le indagini della polizia sulle possibili cause del crollo, sembra esclusa quella legata a un'esplosione di gas.

 

"E’ difficile immagine come sia potuto succedere, i palazzi non crollano senza motivo", ha detto il sindaco della cittadina di Surfside, dove l'edificio è collassato alle 2 di notte. Il crollo dell'edificio ha sollevato una nuvola di detriti per il quartiere, coprendo le auto fino a due isolati di distanza con uno strato di polvere. L'area intorno alla 88th Street e Collins and Harding avenue è stata chiusa. Decine di autopompe e mezzi di soccorso sono allineati lungo le strade. Sul luogo sono arrivate anche le unità cinofile. Al momento, secondo la Cbs, le persone  disperse sono 99 e tre i morti. Altre 10 persone sono state sottoposte a trattamento sanitario sul luogo dell’incidente dai soccorritori. Si teme che molti occupanti del condominio siano ancora intrappolati sotto le macerie.

 

Erano le due di notte a Miami, tra 88th Street e Collins Avenue, quanto è crollato il palazzo di 12 piani. Non si tratta di un condominio comune: è parte del Champlain Towers, costruito nel 1981 con vista sull’Oceano Atlantico e più di 100 appartamenti che hanno prezzi tra i 600 e i 700mila dollari, secondo il Miami Herald. Oltre 80 unità della squadra di soccorso tecnico sono impegnate a mettere in sicurezza quanto rimaneva del condominio e la polizia di Miami ha fin da subito bloccato le strade vicine all’edificio. Intanto foto e video della scena hanno mostrato come il crollo abbia interessato metà del palazzo, ovvero il lato posteriore dove si trovavano 55 unità. Di quella metà rimangono solo detriti, che hanno coperto le auto del circondario con uno strato di polvere che ha raggiunto i due isolati di distanza.