Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Merkel, contropiede davanti a Draghi: "Concordi su progressi di Gosens all'Atalanta, ma tifo Germania"

  • a
  • a
  • a

In conferenza stampa arriva il contropiede della cancelliera. Potenza degli Europei. Sull’agenda bilaterale di Germania e Italia "non ci sono grossi problemi, a parte le differenze calcistiche", dice. la cancelliera tedesca Angela Merkel scherzando nella conferenza stampa a Berlino col premier Mario Draghi. Sulle rispettive nazionali di calcio, ha detto la cancelliera, "abbiamo posizioni diverse". L’Italia, ha aggiunto, "gioca bene", ma "noi facciamo il tifo per la nostra squadra".

 

 

Successivamente, Merkel ha detto che con Draghi ha concordato sul progressi fatti dal calciatore della nazionale tedesca Robin Gosens, che gioca nell’Atalanta ("la squadra di Bergamo" ha affermato la traduttrice.

La crisi sanitaria ha contribuito a rendere i legami tra Italia e Germania ancora più saldi, ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa a Berlino con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, al termine del loro incontro. "Voglio ricordare l’aiuto offerto durante la prima ondata della pandemia con il trasporto di pazienti italiani affetti da Covid in ospedali tedeschi e anche il sostegno decisivo della cancelliera nel lancio del Next Generation Eu", ha aggiunto Draghi. 

 

 

 La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha anche ringraziato l’Italia per il ruolo che svolge nella stabilizzazione della Libia. Durante la conferenza stampa con il presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha incontrato oggi a Berlino, 
Merkel ha dichiarato che i colloqui hanno affrontato, tra l’altro, la questione delle migrazioni e la sua "dimensione esterna". In particolare, i capi di governo di Germania e Italia hanno discusso dei Paesi di partenza dei profughi, come la Tunisia e la Libia. In questo Stato, ha evidenziato  Merkel, l’Italia ha avviato numerose iniziative, in termini di soluzione politica. La cancelliera ha, infine, evidenziato la «notevole conoscenza e forza» dell’Italia negli sviluppi in Libia.