Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

G7, protesta ambientalista davanti al media center

  • a
  • a
  • a

Un enorme globo terrestre, un'arca con a bordo animali via d'estinzione e la scritta 'Tell the truth', dite la verità, i cori 'la gente ha il potere', 'vogliamo giustizia per il Pianeta': all'esterno dell'International media center di Falmouth, dove sono sistemati i giornalisti che seguono i lavori del summit G7, va in scena la protesta ambientalista delle associazioni che da due giorni si sono concentrate sulla costa della Cornovaglia per far sentire la propria voce ai grandi del pianeta. Centinaia i manifestanti di tutte le età, tra cori, slogan, poesie, un sit in simbolico e lo striscione 'g for greenwashing', il termine usato per definire l'ambientalismo di facciata di chi prova in tal modo a promuovere un'immagine green per la propria attività nascondendo invece i danni causati al pianeta.

 

E' prevalentemente ambientalista la protesta che muove da ieri sulle strade della Cornovaglia, cornice del G7. Anche oggi gli  ambientalisti hanno animato le strade di Falmouth, dove è stato allestito il media center, alcuni indossando le maschere dei 7 grandi della terra: Joe Biden, Mario Draghi, Angela Merkel, Emmanuel Macron, Justin Trudeau, Boris Johnson, Yoshihide Suga.

 

 

Al grido di ’tell the truth’, dite la verità, i manifestanti hanno stazionato pacificamente una manciata di minuti di fronte al media center, prima di procedere con il corteo accompagnato a colpi di tamburo, con striscioni di denuncia e un mappamondo in fiamme in bella vista. Oggi, come ieri, la protesta è inoltre arrivata anche via mare, con i surfisti che si sono dati appuntamento sulle coste della Cornovaglia per lanciare il loro grido in difesa del mare. La richiesta ai grandi della terra, univoca, è di un maggior impegno nella difesa del pianeta.