Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, gli esperti dell'Oms: "La pandemia poteva essere evitata"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

La pandemia di Covid è un "disastro" che "sarebbe potuto essere evitato". A sostenerlo è il panel indipendente di esperti per la prontezza e la risposta alla pandemia voluto dall’Oms. "Ci sono revisioni di disastri sanitari precedenti che hanno raccolto polvere nelle cantine dell’Onu e dei governi. Il mondo era stato avvertito che questo sarebbe successo. Questo non deve avvenire più", ha detto una delle co-presidenti del panel. 

 

"Mentre il virus si diffondeva, le informazioni si accumulavano e le decisioni venivano ritardate in attesa di risposte a laboriosi scambi di e-mail ufficiali", prosegue la ricostruzione del panel, secondo cui, "quando le informazioni hanno cominciato ad arrivare all’Oms, l’organizzazione era chiaramente non sufficientemente nelle condizioni di indagare, corroborare e poi confermare rapidamente che un’epidemia pericolosa stava avvenendo".

 

"Questa deve essere l’ultima pandemia a causare distruzione sulla scala che stiamo testimoniando oggi", aggiungono ancora gli esperti indipendenti. Ci sono stati ritardi evidenti in Cina, ma ci sono stati ritardi ovunque". E' questa la conclusione dell'ex primo ministro neozelandese Helen Clark, co-presidente del gruppo di esperti indipendenti istituito per esaminare le misure adottate dall'agenzia e dagli Stati contro il Covid. Sulle responsabilità dell'Organizzazione mondiale della sanità "è passato troppo tempo", osservano gli esperti, tra la notifica di un focolaio di polmonite sconosciuta a metà dicembre 2019 e la dichiarazione, il 30 gennaio, dell'emergenza sanitaria. Ma anche intervenendo una settimana prima, le cose difficilmente sarebbero cambiate di fronte "all'inazione di così tanti Paesi". Una serie di errori e rallentamenti nella catena che unisce decisori politici e autorità sanitarie che non ha consentito di preparare le dovute armi contro il virus e che ha fatto pagare al mondo un prezzo elevatissimo in termini di vite umane perse, contagi, danni all'economia e alle attività umane.