Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Francia, poliziotta uccisa a coltellate vicino Parigi. Morto anche assalitore tunisino: "Ha gridato Allah Akbar"

  • a
  • a
  • a

Una funzionaria di polizia è stata uccisa a coltellate oggi, venerdì 23 aprile 2021, nei pressi del commissariato di Rambouillet. E' morto anche l'aggressore a cui gli agenti intervenuti in soccorso della collega, hanno sparato.

 

 

 

L'uomo, di nazionalità tunisina, ha accoltellato a morte la poliziotta francese verso le 14.30. La poliziotta uccisa a una sessantina di chilometri a sudovest di Parigi era un funzionario amministrativo e aveva 49 anni. Come spiega l’emittente Bfmtv, è stata pugnalata più volte alla gola. Una fonte della polizia citata da Le Figaro ha riferito che la donna è stata colpita mentre rientrava dalla pausa pranzo. Le Parisien ha spiegato che l’aggressore tunisino era arrivato in Francia nel 2009. La presidente della regione dell’Ile-de-France Valerie Pecresse ha parlato di un "tragico attentato" e annunciato su Twitter la sua presenza sul luogo dell’aggressione "per dimostrare ancora una volta il mio sostegno alle nostre forze di polizia in lutto".

L’aggressore tunisino di 36 anni che ha pugnalato a morte un’agente di polizia a Rambouillet, una sessantina di chilometri da Parigi, avrebbe urlato ’Allah Akbar’ durante l’attacco. Lo riferiscono fonti citate da Cnews. L’identità dell’aggressore, giunto in Francia in modo irregolare nel 2009 ma regolarizzato nel 2019, non era nota alle forze dell’ordine.

 

 

 Il primo ministro francese Jean Castex e il ministro degli Interni Gerald Darmanin saranno a Rambouillet.

La leader del Rassemblement National Marine Le Pen ha parlato di "matrice islamista" riferendosi all’attacco di oggi Rambouillet. "Gli stessi orrori si susseguono, la stessa infinita tristezza quando si pensa ai parenti e ai colleghi di questa poliziotta assassinata", ha scritto Marine Le Pen su Twitter. "Non ne possiamo più", ha affermato denunciando "gli stessi motivi islamisti" di altri attacchi. Secondo l’ufficio del procuratore di Yvelines per il momento non ci sono prove che si tratti di un attacco terroristico.