Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morte di Filippo: il principe Harry parteciperà ai funerali, Meghan non ci sarà

  • a
  • a
  • a

All'indomani della morte del principe Filippo, duca di Edinburgo, suo nipote il principe Harry è atteso nel Regno Unito per i funerali del nonno, nonostante le restrizioni in vigore per i viaggi internazionali. Se fonti della famiglia reale danno certa la sua partenza dagli Usa, non viene però ritenuta improbabile la presenza anche della moglie Meghan Markle, la cui gravidanza per il secondo figlio è in stato avanzato.

 

"Lui ci sarà, naturalmente, non importa quanto difficili siano i rapporti con la famiglia", hanno riferito le fonti al New York Post, in riferimento alle recenti polemiche suscitate dalla controversa intervista rilasciata da Harry e Meghan a Oprah Winfrey. Secondo le attuali regole, i viaggiatori internazionali che intendono fare ingresso nel Regno Unito devono risultare negativi al test del Covid almeno 72 ore prima della partenza e poi sottoporsi ad una quarantena di 10 giorni dopo il loro arrivo. Sono però previste eccezioni per chi deve partecipare al funerale di un parente stretto, con il permesso di uscire temporaneamente dall’autoisolamento per partecipare alla cerimonia. Intanto escono sulla stampa britannica le prime indiscrezioni dopo la morte del principe Filippo.

 

Il duca di Edimburgo non avrebbe voluto morire in ospedale, sarebbe stato determinato, secondo quanto riferisce il Telegraph, a morire a casa, nel suo letto. E la regina sarebbe stata al suo fianco al momento dell’ultimo respiro al castello di Windsor ieri mattina dopo che nella notte di giovedì ci sarebbe stato un peggioramento delle sue condizioni. Ma la regina si sarebbe opposta a un nuovo ricovero perché quelle erano le volontà del principe Filippo. Secondo una fonte bene informata, riferisce il Telegraph, Filippo "aveva trascorso gran parte delle quattro settimane nelle quali era stato in ospedale tentando di tornare a casa. Lo avevano operato al cuore nel tentativo di dargli un pò più di tempo, forse avendo in mente il centesimo compleanno. Ma a lui veramente non importava. Voleva solo tornare nel suo letto. In nessun modo sarebbe morto in ospedale", spiega il quotidiano.